Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
Tumore rene

Trattamento endocrino rispetto alla chemioterapia nelle donne in postmenopausa con tumore al seno metastatico HR-positivo, HER2-negativo


Sebbene le linee guida internazionali supportino la somministrazione di terapie ormonali con o senza terapie mirate in donne in postmenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali ( HR+ ), l'uso iniziale della chemioterapia rimane comune anche in assenza di crisi viscerali.
Poiché i trattamenti di prima linea o di seconda linea, o entrambi, basati sulla chemioterapia e sulla terapia ormonale sono stati poco studiati in studi controllati randomizzati testa-a-testa, sono stati confrontati questi due diversi approcci.

È stata fatta una revisione sistematica e una meta-analisi a rete ( network ) con una ricerca sistematica della letteratura.
Sono stati inclusi tutti gli studi randomizzati controllati di fase 2 e 3 che hanno studiato la chemioterapia con o senza terapie mirate e terapie ormonali con o senza terapie mirate come trattamenti di prima linea o di seconda linea, o entrambi, in donne in postmenopausa con carcinoma mammario metastatico HR-positivo, HER2- negativo, pubblicati tra il 2000 e il 2017.

È stata effettuata una meta-analisi per confrontare gli hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza libera da progressione ( esito primario ) e per confrontare gli odds ratio ( OR ) per la percentuale di pazienti con una risposta globale ( esito secondario ).
Tutti i trattamenti sono stati confrontati con Anastrozolo e Palbociclib più Letrozolo.

Sono stati inclusi nell'analisi 140 studi ( 50.029 pazienti ). Palbociclib più Letrozolo ( HR 0.42 ), Ribociclib più Letrozolo ( 0.43 ), Abemaciclib più Anastrozolo o Letrozolo ( 0.42 ), Palbociclib più Fulvestrant ( 0.37 ), Ribociclib più Fulvestrant ( 0.48 ), Abemaciclib più Fulvestrant ( 0.44 ), Everolimus più Exemestane ( 0.42 ) e, in pazienti con mutazione PIK3CA, Alpelisib più Fulvestrant ( 0.39 ) e diversi regimi a base di chemioterapia, inclusi antraciclina e regimi contenenti taxano, sono stati associati a una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al solo Anastrozolo.

Nessun regime di chemioterapia o terapia ormonale è risultato significativamente migliore di Palbociclib più Letrozolo per la sopravvivenza libera da progressione.

Paclitaxel più Bevacizumab è stato l'unico regime clinicamente rilevante significativamente migliore rispetto a Palbociclib più Letrozolo in termini di percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta complessiva ( OR 8.95 ).

Nell'impostazione di prima o seconda linea, gli inibitori CDK 4/6 e le terapie ormonali sono migliori delle terapie ormonali standard in termini di sopravvivenza libera da progressione.
Inoltre, nessun regime di chemioterapia con o senza terapia mirata è significativamente migliore degli inibitori CDK 4/6 e delle terapie ormonali in termini di sopravvivenza libera da progressione.

I dati supportano le raccomandazioni delle linee guida per il trattamento con le nuove combinazioni di terapie ormonali più terapie mirate come trattamenti di prima linea o di seconda linea, o in entrambi i contesti, nelle donne con tumore alla mammella metastatico HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali. ( Xagena2019 )

Giuliano M et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1360-1369

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro