Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore Vescica

Trastuzumab più Capecitabina con o senza Pertuzumab nei pazienti con cancro mammario metastatico positivo a EGFR-2 umano con progressione della malattia durante o dopo la terapia con Trastuzumab


È stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Trastuzumab ( Herceptin ) più Capecitabina ( Xeloda ) con o senza Pertuzumab ( Parjeta ) nei pazienti con tumore mammario metastatico positivo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico ( EGFR-2 ) umano che hanno manifestato progressione della malattia durante o dopo la terapia a base di Trastuzumab e avevano ricevuto un precedente taxano.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale al braccio A: Trastuzumab 8 mg/kg fino a 6 mg/kg una volta ogni 3 settimane più Capecitabina 1.250 mg/m2 due volte al giorno ( 2 settimane on, 1 settimana off, ogni 3 settimane ); o al braccio B: Pertuzumab 840 mg fino a 420 mg una volta ogni 3 settimane con Trastuzumab alla stessa dose e programma come nel braccio A più Capecitabina 1.000 mg/m2 con la stessa pianificazione del braccio A.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata da una revisione indipendente ( IRF PFS ).
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza generale ( OS ) e la sicurezza.

Le popolazioni assegnate casualmente ( intent-to-treat ) sono state rappresentate da 224 e 228 pazienti nei bracci A e B, rispettivamente.

La sopravvivenza libera da progressione mediana IRF-valutata al follow-up mediano di 28.6 e 25.3 mesi è stata di 9.0 v 11.1 mesi ( hazard ratio, HR=0.82, P=0.0731 ) e la sopravvivenza globale intermedia è stata di 28.1 versus 36.1 mesi ( HR=0.68 ).

Gli eventi avversi più comuni ( tutti i gradi, incidenza del 10% o superiore in entrambi i bracci e 5% o più di differenza tra i bracci ) sono stati: sindrome mano-piede, nausea e neutropenia nel braccio A e diarrea, rash e nasofaringite nel braccio B.

In conclusione, l'aggiunta di Pertuzumab a Trastuzumab e Capecitabina non ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione IRF-valutata.
È stato osservato un aumento di 8 mesi della sopravvivenza globale mediana fino a 36.1 mesi con Pertuzumab.
Il significato statistico per la sopravvivenza globale non è stato rivendicato a causa del test gerarchico della sopravvivenza globale dopo l'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione; tuttavia, l'entità della differenza della sopravvivenza globale è in linea con l'esperienza pregressa di Pertuzumab nel tumore alla mammella metastatico. Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza. ( Xagena2017 )

Urruticoechea A et al, J Clin Oncol 2017 35: 3030-3038

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro