Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoGeriatria

Trastuzumab emtansine con o senza Pertuzumab versus Trastuzumab più taxano per cancro mammario avanzato HER2-positivo


Trastuzumab ( Herceptin ) e Pertuzumab ( Perjeta ) sono anticorpi monoclonali mirati al recettore 2 del fattore di crescita dell’epidermide umano ( HER2 ) e Trastuzumab emtansine ( T-DM1; Kadcyla ) è un coniugato anticorpo-farmaco che combina le proprietà di Trastuzumab con l'attività citotossica di DM1.

Trastuzumab emtansine ha dimostrato efficacia e sicurezza incoraggianti in uno studio di fase II di pazienti con tumore mammario metastatico non-trattato in precedenza HER2+.
La combinazione di Trastuzumab emtansine e Pertuzumab ha mostrato attività sinergica in colture di cellule e ha avuto un profilo di sicurezza accettabile in uno studio di fase Ib e II.

Nello studio MARIANNE, 1.095 pazienti con tumore alla mammella avanzato HER2-positivo e nessuna precedente terapia per la malattia avanzata sono state assegnate casualmente a controllo ( Trastuzumab più taxano ), Trastuzumab emtansine più placebo, in seguito Trastuzumab emtansine, oppure a Trastuzumab emtansine più Pertuzumab a dosi standard.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Trastuzumab emtansine e Trastuzumab emtansine più Pertuzumab hanno mostrato sopravvivenza libera da progressione non-inferiore rispetto a Trastuzumab più taxano ( PFS mediana: 13.7 mesi con Trastuzumab più taxano, 14.1 mesi con Trastuzumab emtansine e 15.2 mesi con Trastuzumab emtansine più Pertuzumab ).

Nessun braccio sperimentale ha mostrato superiorità della sopravvivenza libera da progressione rispetto a Trastuzumab più taxano.

Il tasso di risposta è stato del 67.9% nei pazienti che sono stati trattati con Trastuzumab più taxano, 59.7% con Trastuzumab emtansine e 64.2% con Trastuzumab emtansine più Pertuzumab; la durata mediana della risposta è stata di 12.5 mesi, 20.7 mesi e 21.2 mesi, rispettivamente.

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o superiore è risultata numericamente più alta nel braccio di controllo ( 54.1% ) rispetto al braccio Trastuzumab emtansine ( 45.4% ) e al braccio Trastuzumab emtansine più Pertuzumab ( 46.2% ).

Numericamente meno pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi nei bracci Trastuzumab emtansine, e la qualità di vita connessa alla salute è stata mantenuta più a lungo nei bracci Trastuzumab emtansine.

In conclusione, Trastuzumab emtansine ha mostrato efficacia non-inferiore, ma non-superiore, e una migliore tollerabilità rispetto ai taxani più Trastuzumab per il trattamento di prima linea del tumore mammario avanzato HER2-positivo. ( Xagena2017 )

Perez EA et al, J Clin Oncol 2017; 35: 141-148

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro