Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
OncoGeriatria

Trastuzumab adiuvante per 6 mesi versus 12 mesi per tumore mammario in fase precoce HER2-positivo: studio PERSEPHONE


Trastuzumab ( Herceptin ) in ambiente adiuvante migliora significativamente gli esiti per i pazienti con tumore mammario in fase precoce HER2-positivo.
La durata standard del trattamento è di 12 mesi, ma un trattamento più breve potrebbe fornire una efficacia simile riducendo al contempo tossicità e costi.

E' stato valutato se il trattamento adiuvante con Trastuzumab per 6 mesi fosse non-inferiore al trattamento standard per 12 mesi per quanto riguarda la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ).

Lo studio di fase 3 PERSEPHONE randomizzato, in aperto, di non-inferiorità, ha reclutato pazienti da 152 Centri nel Regno Unito.
Sono stati assegnati casualmente i pazienti con neoplasia mammaria HER2-positiva in fase iniziale, di età pari o superiore a 18 anni e con una chiara indicazione per la chemioterapia, a ricevere Trastuzumab per 6 o 12 mesi ogni 3 settimane per via endovenosa ( dose di carico di 8 mg/kg seguita da dosi di mantenimento di 6 mg/kg ) o per via sottocutanea ( 600 mg ), somministrato in associazione con chemioterapia ( contemporaneamente o in sequenza ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia, analizzata per intention-to-treat, con un margine di non-inferiorità del 3% per la sopravvivenza libera da malattia a 4 anni.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto Trastuzumab.

Tra il 2007 e il 2015, 2.045 pazienti sono stati assegnati al trattamento con Trastuzumab di 12 mesi e 2.044 al trattamento di 6 mesi ( un paziente è stato escluso perché doppiamente randomizzato ).

Il follow-up mediano è stato di 5.4 anni per entrambi i gruppi di trattamento. Durante questo periodo si è verificato 1 evento di sopravvivenza libera da malattia in 265 pazienti su 2.043 ( 13% ) nel gruppo di 6 mesi e in 247 pazienti su 2.045 ( 12% ) nel gruppo di 12 mesi.

La sopravvivenza libera da malattia a 4 anni è stata dell'89.4% nel gruppo di 6 mesi e dell'89.8% nel gruppo di 12 mesi ( hazard ratio, HR=1.07, P non-inferiorità=0.011 ), mostrando non-inferiorità del trattamento di 6 mesi.

Il trattamento con Trastuzumab di 6 mesi ha comportato un minor numero di pazienti che hanno riportato eventi avversi gravi ( 373 pazienti su 1.939, 19%, vs 459 pazienti su 1.894, 24%, P=0.0002 ) o interruzione precoce a causa della cardiotossicità ( 61 su 1.939 pazienti, 3%, vs 146 su 1.894 pazienti, 8%, P minore di 0.0001 ).

È stato dimostrato che il trattamento con Trastuzumab per 6 mesi è non-inferiore a quello di 12 mesi nei pazienti con tumore mammario in fase precoce HER2-positivo, con meno cardiotossicità e meno eventi avversi gravi.
Questi risultati supportano la riduzione della durata del Trastuzumab per le donne con rischio di recidiva simile al rischio di quelle incluse nello studio. ( Xagena2019 )

Earl HM et al, Lancet 2019; 393: 2599-2612

Gyne2019 Onco2019 Farma2019


Indietro