Janssen Oncology
Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub

Tossicità tardiva dopo radioterapia adiuvante convenzionale e radioterapia a modulazione di intensità guidata da immagini per il tumore della cervice: studio PARCER


Nonostante un'ampia evidenza randomizzata a sostegno dell'uso delle interruzioni del trattamento nel tumore del colon-retto metastatico ( mCRC ), non sono universalmente offerti ai pazienti nonostante i miglioramenti nella qualità di vita senza compromettere la sopravvivenza globale ( OS ).
Lo studio FOCUS4-N è stato disegnato per esplorare l'impatto della terapia di mantenimento orale nei pazienti che rispondono alla terapia di prima linea.

FOCUS4 era un programma di studi a stratificazione molecolare che ha registrato pazienti con tumore del colon-retto metastatico di nuova diagnosi.
Lo studio FOCUS4-N è stato offerto ai pazienti per i quali non era disponibile un sottostudio mirato o per i quali i test sui biomarcatori erano falliti.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Capecitabina ( Xeloda ) di mantenimento e monitoraggio attivo.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ); tra gli esiti secondari: sopravvivenza globale, tossicità e tollerabilità.

Tra il 2014 e il 2020, 254 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 127 a Capecitabina e 127 a monitoraggio attivo ) in 88 centri del Regno Unito.
Le caratteristiche di base erano bilanciate.

C'è stata una forte evidenza di efficacia per la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR=0.40; P minore di 0.0001 ), ma non è stato osservato alcun miglioramento significativo della sopravvivenza globale ( HR=0.93; P=0.66 ).

La compliance al trattamento è stata buona e la tossicità da Capecitabina rispetto al monitoraggio attivo è risultata come previsto, con affaticamento di grado maggiore o uguale a 2 ( 25% vs 12% ), diarrea ( 23% vs 13% ) e sindrome mano-piede ( 26% vs 3% ). La qualità di vita ha mostrato poche differenze tra i gruppi.

Nonostante la forte evidenza di controllo della malattia con la terapia di mantenimento, la sopravvivenza globale rimane inalterata e FOCUS4-N ha fornito ulteriori prove a supporto dell'uso delle interruzioni del trattamento come alternative di gestione sicure per i pazienti che sono stabili o rispondono al trattamento di prima linea per carcinoma colorettale metastatico.

Capecitabina senza Bevacizumab può essere utilizzata per estendere la sopravvivenza senza progressione nell'intervallo dopo 16 settimane di terapia di prima linea. ( Xagena2021 )

Adams RA et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3693-3704

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro