Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
OncoGeriatria

Terapia di mantenimento con Olaparib nel carcinoma ovarico sieroso recidivo sensibile al Platino


La monoterapia di mantenimento con l’inibitore PARP Olaparib ( Lynparza ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al placebo nei pazienti con recidiva di carcinoma ovarico sieroso sensibile al Platino.
È stata esaminata l'ipotesi secondo cui Olaparib ha più probabilità di dare beneficio ai pazienti con mutazione BRCA.

Sono stati presentati i dati dalla seconda analisi ad interim di sopravvivenza globale e di una analisi retrospettiva, pianificata, dei dati in base allo stato di mutazione BRCA da uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 2, che ha valutato il trattamento di mantenimento con Olaparib 400 mg due volte al giorno ( capsule ) rispetto a placebo in pazienti con recidiva di tumore alle ovaie sieroso sensibile al Platino che avevano ricevuto due o più regimi a base di Platino e che hanno avuto una risposta parziale o completa al più recente regime a base di Platino.

La randomizzazione è stata stratificata per tempo alla progressione al penultimo regime a base di Platino, risposta alla più recente terapia a base di Platino prima della randomizzazione ed etnia di appartenenza.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, analizzata per la popolazione generale e in base allo stato di BRCA.

Tra il 2008 e il 2010, 136 pazienti sono stati assegnati a Olaparib e 129 a placebo. Lo stato BRCA era noto per 131 pazienti nel gruppo Olaparib ( 96% ) rispetto a 123 nel gruppo placebo ( 95% ), dei quali 74 ( 56% ) rispetto a 62 ( 50% ) aveva una linea germinale deleteria o sospettata deleteria o mutazione BRCA tumorale.

Tra i pazienti con mutazione BRCA, la sopravvivenza libera da progressione media è stata significativamente più lunga nel gruppo Olaparib rispetto al gruppo placebo ( 11.2 mesi vs 4.3 mesi; HR=0.18; P minore di 0.0001 ); risultati simili sono stati osservati per i pazienti con BRCA wild-type , anche se la differenza tra i gruppi è stata inferiore ( 7.4 mesi vs 5.5 mesi; HR=0.54; P=0.0075 ).

Alla seconda analisi ad interim di sopravvivenza globale ( 58% di maturità ), la sopravvivenza globale non differiva significativamente tra i due gruppi ( HR=0.88; P=0.44 ); risultati simili sono stati osservati per i pazienti con mutazione BRCA ( HR=0.73; P=0.19 ) e BRCA wild-type ( HR=0.99; P=0.96 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o maggiore nel gruppo Olaparib sono stati affaticamento ( 10 pazienti nel gruppo Olaparib, 7%, vs 4, 3%, nel gruppo placebo ) e anemia ( 7, 5%, vs 1, minore di 1% ).
Eventi avversi gravi sono stati segnalati in 25 pazienti ( 18% ) che hanno ricevuto Olaparib e in 11 ( 9% ) che hanno ricevuto placebo.
La tollerabilità è risultata simile nei pazienti con mutazione BRCA e la popolazione generale.

Questi risultati supportano l'ipotesi secondo la quale i pazienti con recidiva di carcinoma ovarico sieroso sensibile al Platino con mutazione BRCA hanno una maggiore probabilità di beneficiare del trattamento con Olaparib. ( Xagena2014 )

Ledermann J et al, Lancet 2014;15:852-861

Onco2014 Gyne2014 Farma2014


Indietro