Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Sopravvivenza globale nei pazienti con tumore mammario HR-positivo, HER2-negativo, avanzato o metastatico, trattate con un inibitore delle chinasi ciclina-dipendenti 4/6 più Fulvestrant


Gli inibitori delle chinasi ciclina-dipendenti 4/6 ( CDKI ) sono agenti orali mirati approvati per l'uso in combinazione con la terapia endocrina come trattamento di prima o seconda linea dei pazienti con carcinoma mammario positivo per il recettore ormonale ( HR-positivo ), HER2-negativo, avanzato o metastatico.

Sono state precedentemente riportate le analisi aggregate della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti in specifici sottogruppi clinicopatologici, le quali hanno ricevuto tutte un beneficio consistente dall'aggiunta di un inibitore CDK 4/6 alla terapia ormonale.

Sono stati riportati i risultati di sopravvivenza globale aggregati nei pazienti trattati con inibitori CDK 4/6 e Fulvestrant ( Faslodex ).

In questa analisi esplorativa, sono stati riuniti i dati di singole pazienti da tre studi randomizzati di fase 3 di inibitori CDK 4/6 o placebo in combinazione con Fulvestrant in pazienti con tumore al seno presentati alla FDA ( Food and Drug Administration ) e approvati prima di agosto 2020.

Tutte le pazienti analizzate avevano un'età di almeno 18 anni, avevano un ECOG performance status di 0-1, avevano un tumore alla mammella avanzato o metastatico positivo per il recettore ormonale, HER2-negativo e hanno ricevuto almeno una dose di inibitore CDK 4/6 o placebo in combinazione con Fulvestrant.

Le pazienti sono state analizzate collettivamente, per numero di linee precedenti di terapia endocrina sistemica in qualsiasi contesto di malattia ( prima linea o naive-alla-terapia endocrina versus seconda linea e successive ), e in vari sottogruppi clinicopatologici di interesse.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana stimata non è stata riportata per gruppo quando la popolazione aggregata includeva pazienti trattate attraverso linee di terapia a causa della potenziale eterogeneità delle pazienti.

Tutti i risultati presentati sono considerati esplorativi e generatori di ipotesi.

Nei tre studi aggregati, 1.960 pazienti sono state assegnate in modo casuale tra il 2013 e il 2016 ( 12 pazienti non sono state trattate e 1.296 pazienti, 66%, sono state assegnate in modo casuale a inibitori CDK 4/6 e 652, 33%, a placebo ).

In tutte le pazienti trattate ( n=1.948 ), l'hazard ratio stimato per la sopravvivenza globale è stato pari a 0.77, con un follow-up mediano di 43.7 mesi e decessi in 935 delle 1.948 pazienti ( 48% ).
La differenza nella sopravvivenza globale mediana stimata è stata di 7.1 mesi, a favore degli inibitori CDK 4/6.

Nelle pazienti che hanno ricevuto gli inibitori CDK 4/6 o placebo in combinazione con Fulvestrant come terapia endocrina sistemica di prima linea ( due studi; n=396 ), l'hazard ratio stimato per la sopravvivenza globale è stato pari a 0.74, con un follow-up mediano di 39.4 mesi.
123 ( 31% ) di queste pazienti sono morte.

Non è stato possibile calcolare la differenza nella sopravvivenza globale mediana stimata perché la sopravvivenza globale mediana non era stimabile nel gruppo inibitori CDK 4/6 ed era di 45.7 mesi nel gruppo placebo.

Nelle pazienti che hanno ricevuto gli inibitori CDK 4/6 o placebo in combinazione con Fulvestrant come terapia endocrina sistemica di seconda linea o successiva ( 3 studi; n=1.552 ), l'hazard ratio stimato per la sopravvivenza globale è stato pari a 0.77, con un follow-up mediano di 45.1 mesi.
812 ( 52% ) di queste pazienti sono morte.

La differenza nella sopravvivenza globale mediana stimata è stata di 7.0 mesi a favore degli inibitori CDK 4/6.

L'aggiunta di inibitori CDK 4/6 a Fulvestrant ha determinato un consistente beneficio di sopravvivenza globale in tutte le pazienti raggruppate e nella maggior parte dei sottogruppi clinicopatologici di interesse.
Questi risultati supportano lo standard di cura esistente degli inibitori CDK 4/6 più Fulvestrant per il trattamento dei pazienti con carcinoma alla mammella avanzato HR-positivo, HER2-negativo. ( Xagena2021 )

Gao JJ et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1573-1581

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro