OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Novartis

Sopravvivenza dopo isterectomia radicale minimamente invasiva versus a cielo aperto per il tumore della cervice in stadio iniziale


Le tecniche mininvasive sono sempre più comuni nella chirurgia del tumore. Un recente studio clinico randomizzato ha messo in dubbio la sicurezza dell'isterectomia radicale minimamente invasiva per il cancro della cervice.

È stato quantificato il rischio di recidiva e morte associato a isterectomia minimamente invasiva rispetto a isterectomia radicale a cielo aperto per il tumore cervicale in stadio iniziale riportato in studi osservazionali ottimizzati per il controllo del confondimento.

In una revisione sistematica e meta-analisi, sono stati esaminati gli studi osservazionali che hanno utilizzato analisi di sopravvivenza per confrontare gli esiti dopo isterectomia radicale mininvasiva ( laparoscopica o assistita da robot ) e a cielo aperto in pazienti con tumore della cervice in stadio iniziale ( International Federation of Gynecology and Obstetrics 2009 stadio IA1-IIA ).

La qualità dello studio è stata valutata con la scala Newcastle-Ottawa, e ha riguardato studi con punteggi di almeno 7 punti che controllavano il confondimento in base alle dimensioni o allo stadio del tumore.

La checklist MOOSE ( Meta-analysis of Observational Studies in Epidemiology ) è stata utilizzata per astrarre i dati in modo indipendente da più osservatori.
Sono stati utilizzati modelli a effetti casuali per mettere in comune le associazioni e analizzare l'associazione tra approccio chirurgico e gli esiti oncologici.

Gli esiti principali erano il rischio di recidiva o morte e il rischio di mortalità per tutte le cause.

Sono stati identificati 49 studi, di cui 15 inclusi nella meta-analisi. Delle 9.499 pazienti sottoposte a isterectomia radicale, il 49% ( n=4.684 ) ha ricevuto un intervento chirurgico minimamente invasivo; di queste, il 57% ( n=2.675 ) la laparoscopia assistita da robot.
Sono state segnalate 530 recidive e 451 decessi.

Il rischio aggregato di recidiva o morte è stato del 71% più alto tra le pazienti sottoposte a isterectomia radicale minimamente invasiva rispetto a quelle sottoposte a chirurgia a cielo aperto ( hazard ratio, HR, 1.71; P minore di 0.001 ) e il rischio di morte è stato del 56% più alto ( HR, 1.56; P=0.004 ).
L'eterogeneità delle associazioni è stata da bassa a moderata.

Non è stata trovata alcuna associazione tra la prevalenza della chirurgia assistita da robot e l'entità dell'associazione tra isterectomia radicale minimamente invasiva e rischio di recidiva o morte ( aumento del 2.0% dell'hazard ratio per ogni aumento di 10 punti percentuali della prevalenza della chirurgia assistita da robot ) o mortalità per tutte le cause ( aumento del 3.7% dell'HR per ogni aumento di 10 punti percentuali della prevalenza della chirurgia assistita da robot ).

Questa revisione sistematica e meta-analisi di studi osservazionali ha rilevato che tra le pazienti sottoposte a isterectomia radicale per tumore della cervice in stadio iniziale, l'isterectomia radicale minimamente invasiva era associata a un rischio elevato di recidiva e morte rispetto alla chirurgia a cielo aperto. ( Xagena2020 )

Nitecki R et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1019-1027

Gyne2020 Onco2020 Chiru2020



Indietro