Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
ForumOncologico

Sicurezza ed efficacia di Panitumumab più chemioterapia neoadiuvante nelle pazienti con carcinoma mammario infiammatorio primario HER2-negativo


La combinazione di chemioterapia convenzionale con terapia mirata è stata proposta per migliorare il tasso di risposta patologica completa ( pCR ) nei pazienti con carcinoma mammario infiammatorio ( IBC ).
L'espressione del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) è un predittore indipendente di bassa sopravvivenza globale in pazienti con carcinoma mammario infiammatorio.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia dell'anticorpo anti-EGFR Panitumumab ( Vectibix ) più chemioterapia neoadiuvante nei pazienti con carcinoma mammario infiammatorio primario negativo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico ( HER2 ).
Le donne con carcinoma mammario infiammatorio primario HER2-negativo sono state arruolate nel periodo 2010-2015 e hanno ricevuto Panitumumab più chemioterapia nel setting neoadiuvante.

Il tempo di follow-up mediano è stato di 19.3 mesi.

I tessuti tumorali raccolti prima e dopo la prima dose di Panitumumab sono stati sottoposti a colorazione immunoistochimica e analisi di sequenziamento dell'RNA per identificare i biomarcatori predittivi di risposta patologica completa.

Le pazienti hanno ricevuto 1 dose di Panitumumab ( 2.5 mg/kg ), seguita da 4 cicli di Panitumumab ( 2.5 mg/kg ), nab-Paclitaxel ( 100 mg/m2 ) e Carboplatino settimanale e poi 4 cicli di Fluorouracile ( 500 mg/m2 ), Epirubicina ( 100 mg/m2 ) e Ciclofosfamide ( 500 mg/m2 ) ogni 3 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta patologica completa; l'endpoint secondario era la sicurezza.
L'obiettivo esplorativo era identificare i biomarcatori predittivi di risposta patologica completa.

Le 40 donne arruolate ed esaminate avevano un'età media di 57 anni; 29 ( 72% ) erano in post-menopausa.
3 pazienti non hanno completato la terapia a causa di effetti tossici ( n=2 ) o metastasi distanti ( n=1 ).
19 pazienti avevano IBC triplo negativo e 21 avevano carcinoma mammario infiammatorio positivo al recettore ormonale.

La risposta patologica completa e i tassi di pCR sono stati nel complesso 11 su 40 ( 28% ); il carcinoma mammario infiammatorio triplo negativo 8 su 19 ( 42% ); e carcinoma mammario infiammatorio HR-positivo / HER2-negativo, 3 su 21 ( 14% ).

Durante il trattamento con Panitumumab, nab-Paclitaxel e Carboplatino, 10 pazienti sono state ospedalizzate per effetti tossici correlati al trattamento, di cui 5 con eventi correlati alla neutropenia.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento. L'evento avverso non-ematologico più frequente era l'eruzione cutanea.

Sono stati identificati diversi potenziali predittori della risposta patologica completa, tra cui l'espressione di pEGFR ( EGFR fosforilato ) e l'espressione di COX-2.

In conclusione, la combinazione di Panitumumab e chemioterapia ha mostrato il più alto tasso di risposta patologica completa mai riportato per carcinoma mammario infiammatorio triplo negativo. ( Xagena2018 )

Matsuda N et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1207-1213

Gyne2018 Onco2018 Farma2018


Indietro