Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Relacorilant più nab-Paclitaxel nei pazienti con carcinoma ovarico recidivante resistente al Platino


Nonostante i progressi terapeutici, gli esiti per le pazienti con tumore all'ovaio resistente / refrattario al Platino rimangono sfavorevoli.
La modulazione selettiva dei recettori dei glucocorticoidi ( SGRM ) con Relacorilant può ripristinare la chemiosensibilità e migliorare l'efficacia della chemioterapia.

Uno studio di fase II a tre bracci, randomizzato, controllato, in aperto ha arruolato donne con tumore ovarico epiteliale sieroso o endometrioide, peritoneale primario o tumore delle tube di Falloppio recidivante, resistente / refrattario al Platino, di alto grado, o carcinosarcoma ovarico trattato con 4 o meno regimi chemioterapici precedenti.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a nab-Paclitaxel ( Abraxane ) ( 80 mg/m2 ) più Relacorilant intermittente ( 150 mg il giorno prima, il giorno stesso e dopo nab-Paclitaxel ); nab-Paclitaxel ( 80 mg/m2 ) più Relacorilant continuo ( 100 mg una volta al giorno ); o monoterapia con nab-Paclitaxel ( 100 mg/m2 ).
Nab-Paclitaxel è stato somministrato nei giorni 1, 8 e 15 di ciascun ciclo di 28 giorni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo la valutazione dello sperimentatore; il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza erano endpoint secondari.

In totale 178 donne sono state assegnate in modo casuale.

Relacorilant intermittente più nab-Paclitaxel ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio HR, 0.66; log-rank test P=0.038; follow-up mediano, 11.1 mesi ) e la durata della risposta ( HR, 0.36; P=0.006 ) rispetto a nab-Paclitaxel in monoterapia, mentre il tasso di risposta obiettiva era simile tra i bracci.

All’analisi pre-pianificata della sopravvivenza globale ( follow-up mediano, 22.5 mesi ), l’hazard ratio della sopravvivenza globale è stato 0.67 ( P=0.066 ) per il braccio intermittente rispetto alla monoterapia con nab-Paclitaxel.

Relacorilant continuo più nab-Paclitaxel ha mostrato una sopravvivenza mediana libera da progressione numericamente migliorata, ma non ha comportato un miglioramento significativo rispetto alla monoterapia con nab-Paclitaxel.

Gli eventi avversi sono stati comparabili tra i bracci dello studio, con neutropenia, anemia, neuropatia periferica e affaticamento / astenia che sono stati gli eventi avversi di grado 3 o superiore più comuni.

Relacorilant intermittente più nab-Paclitaxel ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione, la durata della terapia e la sopravvivenza globale, rispetto alla monoterapia con nab-Paclitaxel.
Sulla base dell'aggiustamento step-up della molteplicità di Hochberg pre-specificato dal protocollo, l'endpoint primario non ha raggiunto la significatività statistica ( P minore di 0.025 ).
È in corso una valutazione di fase III di questo regime. ( Xagena2023 )

Colombo N et al, J Clin Oncol 2023; 41: 4779-4789

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro