Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Prevenzione della disfunzione cardiaca durante la terapia adiuvante del tumore al seno nello studio PRADA: follow-up esteso di uno studio di Candesartan e Metoprololo


La terapia adiuvante del tumore al seno contenente antracicline con o senza anticorpi anti-recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano e la radioterapia è associata a disfunzione cardiaca correlata al trattamento del tumore.

Nello studio PRADA ( Prevention of Cardiac Dysfunction During Adjuvant Breast Cancer Therapy ), il trattamento concomitante con il bloccante del recettore dell'angiotensina Candesartan ( Blopress ) ha attenuato la riduzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) nelle donne in trattamento per il tumore alla mammella, mentre il beta-bloccante Metoprololo ( Lopresor ) ha attenuato l'aumento delle troponine cardiache.

Sono stati valutati gli effetti a lungo termine di Candesartan e Metoprololo o della loro combinazione per prevenire una riduzione della funzione cardiaca e del danno miocardico.

In questo studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, in un centro singolo, i pazienti con tumore mammario in fase iniziale sono stati assegnati al trattamento concomitante con Candesartan cilexetil, Metoprololo succinato o placebo.
Le dosi target erano rispettivamente di 32 e 100 mg.
I farmaci in studio sono stati sospesi dopo la terapia adiuvante.
Tutti e 120 i pazienti validamente randomizzati sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat.

L'esito primario era la variazione della FEVS valutata mediante risonanza magnetica cardiovascolare dal basale al follow-up esteso.
Le misure di esito secondario includevano cambiamenti nei volumi del ventricolo sinistro, deformazione miocardica longitudinale globale di picco ecocardiografico e concentrazioni di troponina cardiaca circolante.

Dal basale al follow-up esteso, a una mediana di 23 mesi dopo la randomizzazione, è stata osservata una lieve diminuzione della FEVS ma nessuna differenza significativa tra i gruppi ( Candesartan, 1.7%; nessun Candesartan, 1.8%; Metoprololo, 1.6%; nessun Metoprololo, 1.9% ).

Il trattamento con Candesartan durante la terapia adiuvante è stato associato a una significativa riduzione del volume telediastolico ventricolare sinistro rispetto al gruppo senza Candesartan ( P=0.021 ) e a un calo attenuato della deformazione longitudinale globale ( P=0.046 ) a 2 anni.
Non sono state osservate differenze tra i gruppi nella variazione delle concentrazioni di troponina I e T cardiaca.

La terapia adiuvante contenente antracicline per il tumore mammario in fase iniziale è stata associata a un calo della FEVS durante il follow-up esteso.
Candesartan durante la terapia adiuvante non ha impedito la riduzione della FEVS a 2 anni, ma è stato associato a una modesta riduzione del volume telediastolico ventricolare sinistro e a una deformazione longitudinale globale preservata.

Questi risultati suggeriscono che un approccio cardioprotettivo ampiamente somministrato potrebbe non essere necessario nella maggior parte dei pazienti con tumore mammario in fase iniziale senza malattie cardiovascolari preesistenti. ( Xagena2021 )

Heck SL et al, Circulation 2021; 143: 2431-2440

Gyne2021 Onco2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro