Natera Banner
San Raffaele Urologic Oncology Retreat
Bayer Banner
Gilead Banner

Olaparib con o senza Cediranib rispetto alla chemioterapia a base di Platino nel tumore ovarico ricorrente sensibile al Platino: studio NRG-GY004


La chemioterapia a base di Platino è lo standard di cura per il tumore ovarico sensibile al Platino, ma la terapia ripetuta con Platino può causare complicazioni.
È stata valutata l'attività di due alternative completamente orali non-Platino, Olaparib ( Lynparza ) o Olaparib / Cediranib, rispetto alla chemioterapia a base di Platino.

NRG-GY004 è uno studio in aperto, randomizzato, di fase III condotto negli Stati Uniti e in Canada.
Le pazienti eleggibili avevano un tumore ovarico di alto grado sieroso o endometrioide Platino-sensibile.
Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a chemioterapia a base di Platino, Olaparib oppure Olaparib / Cediranib.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
Gli endpoint secondari includevano l'attività all'interno dei sottogruppi della linea germinale BRC-mutati o wild-type e gli esiti riportati dal paziente ( PRO ).

Tra il 2016 e il 2017, 565 pazienti idonei sono stati randomizzati.

La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 10.3, 8.2 e 10.4 mesi con chemioterapia, Olaparib e Olaparib / Cediranib, rispettivamente.
La combinazione Olaparib e Cediranib non ha migliorato la sopravvivenza PFS rispetto alla chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.86; P=0.077 ).

Nelle donne con mutazione BRCA germinale, l'hazard ratio della sopravvivenza PFS, rispetto alla chemioterapia è stato pari a 0.55 per Olaparib / Cediranib e 0.63 per Olaparib.

Nelle donne senza una mutazione BRCA nella linea germinale, l'hazard ratio della sopravvivenza PFS rispetto alla chemioterapia è stato pari a 0.97 per Olaparib / Cediranib e 1.41 per Olaparib.

Eventi avversi ematologici si sono verificati più comunemente con la chemioterapia; tuttavia, gli eventi avversi non-ematologici sono stati maggiori con Olaparib / Cediranib.

In 489 pazienti valutabili per PRO, i pazienti trattati con Olaparib / Cediranib hanno ottenuto in media 1.1 punti con valore peggiore sulla sottoscala NFOSI-DRS-P ( P=0.0063 ) rispetto alla chemioterapia; non è stata osservata alcuna differenza tra Olaparib e chemioterapia.

La combinazione Olaparib / Cediranib non ha migliorato la sopravvivenza senza progressione rispetto alla chemioterapia e ha comportato una riduzione dei PRO.
In particolare, nei pazienti con una mutazione germinale di BRCA, sia Olaparib che Olaparib / Cediranib hanno mostrato un'attività clinica significativa. ( Xagena2022 )

Liu JF et al, J Clin Oncol 2022; 40: 2138-2147

Gyne2022 Onco2022 Farma2022



Indietro