Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Vescica

Linfociti infiltranti il ​​tumore nel carcinoma mammario HER2-positivo avanzato trattato con Pertuzumab o placebo in aggiunta a Trastuzumab e Docetaxel


Elevate quantità di linfociti infiltranti il ​​tumore ( TIL ) nel carcinoma mammario primario HER2-positivo sono associate a una migliore prognosi e risposta alla terapia. 
È stato studiato il ruolo prognostico della immunità antitumorale dell’ospite rappresentata dalla quantità basale di TIL nelle pazienti con carcinoma mammario avanzato HER2-positivo trattate con Pertuzumab ( Parjeta ) oppure con placebo in aggiunta a Trastuzumab ( Herceptin ) e Docetaxel.

Lo studio CLEOPATRA era uno studio randomizzato di fase 3 che ha messo a confronto l'aggiunta di Pertuzumab o di placebo alla terapia di prima linea con Trastuzumab e Docetaxel nelle pazienti con tumore della mammella localmente ricorrente, non-resecabile o metastatico HER2-positivo.

È stata valutata la quantità di TIL stromali in campioni tumorali prospetticamente raccolti ed è stata esaminata la loro associazione con la sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale, caratteristiche clinicopatologiche e trattamento con Pertuzumab.

Campioni di tumore da 678 su 808 partecipanti ( 84% ) erano valutabili per TIL, tra cui 519 campioni d'archivio ( 77% ), 155 campioni appena ottenuti ( 23% ), raccolti 45 giorni o meno prima della randomizzazione, e 4 campioni d'archivio di stato ignoto. 

Il follow-up mediano è stato di 50 mesi per la sopravvivenza senza progressione e 51 mesi per la sopravvivenza totale.

Si sono verificati 519 eventi di sopravvivenza libera da progressione e 358 pazienti sono morte.

Il valore mediano di TIL è stato del 10%. I campioni di tumore appena ottenuti hanno mostrato valori significativamente più bassi rispetto ai TIL dei campioni d'archivio ( 10.00% vs 15.00%; P=0.00036 ).

Non è stata rilevata alcuna associazione significativa tra i valori di TIL e la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.95, P=0.063 ).

Tuttavia, per la sopravvivenza globale, ogni aumento del 10% di TIL stromali era significativamente associato a più lunga sopravvivenza globale ( aHR=0.89, P=0.0014 ).

L'effetto del trattamento con Pertuzumab non differiva significativamente dal valore di TIL stromali sia per la sopravvivenza libera da progressione ( P per interazione=0.23 ) che per la sopravvivenza globale ( P per interazione=0.21 ).

Nelle pazienti con tumore al seno avanzato HER2-positivo trattato con Docetaxel, Trastuzumab, e Pertuzumab oppure placebo, valori più elevati di TIL erano significativamente associati a una migliore sopravvivenza, suggerendo che l'effetto dell’immunità antitumorale si estende nella condizione di tumore in fase avanzata.

Gli studi clinici futuri in questo sottotipo di tumore dovrebbero prendere in considerazione i TIL come un fattore di stratificazione e verificare se le terapie che possono aumentare l'immunità possono potenzialmente migliorare ulteriormente la sopravvivenza. ( Xagena2017 )

Luen SJ et al, Lancet Oncology 2017; 18: 52-62

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro