Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
Tumore rene

Lapatinib e Trastuzumab adiuvanti per cancro al seno positivo a recettore del fattore di crescita epidermico umano 2


Lapatinib ( Tykerb, Tyverb ) più Trastuzumab ( Herceptin ) migliora i risultati per il carcinoma mammario metastatico positivo al fattore di crescita dell’epidermide umano 2 ( HER2 ), e aumenta la risposta patologica completa in ambito neoadiuvante, ma il suo ruolo come terapia adiuvante rimane incerto.

Nello studio ALTTO ( Adjuvant Lapatinib and/or Trastuzumab Treatment Optimization ), le pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale confermato positivo al fattore di crescita epidermico umano 2 sono state assegnate in modo casuale a 1 anno di terapia adiuvante con Trastuzumab, Lapatinib, la loro sequenza ( Trastuzumab e in seguito Lapatinib ), o la loro combinazione ( Lapatinib più Trastuzumab ).
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), con 850 eventi necessari per avere l'80% di potenza per rilevare un hazard ratio ( HR ) di 0.8 per Lapatinib più Trastuzumab vs Trastuzumab.

Tra il 2007 e il 2011, sono stati arruolati 8.381 pazienti.

Nel 2011, a causa della futilità per dimostrare la non-inferiorità di Lapatinib rispetto a Trastuzumab, il braccio Lapatinib è stato chiuso, e alle pazienti libere da malattia è stato offerto Trastuzumab adiuvante.
Una modifica del protocollo ha richiesto P minore o uguale a 0.025 per i due rimanenti confronti a coppie.

Nel corso di una analisi di protocollo specificata con un follow-up mediano di 4.5 anni, una riduzione del 16% del tasso di rischio della sopravvivenza libera da malattia è stata osservata con Lapatinib più Trastuzumab rispetto a Trastuzumab ( 555 eventi di sopravvivenza libera da malattia, HR=0.84; P=0.048 ), ed è stata osservata una riduzione del 4% con Trastuzumab seguito da Lapatinib rispetto a Trastuzumab ( HR=0.96; P=0.61 ).

I pazienti trattati con Lapatinib hanno presentato più diarrea, rash cutanei, e tossicità epatica rispetto ai pazienti trattati con Trastuzumab.
L'incidenza di tossicità cardiaca è stata bassa in tutti i bracci di trattamento.

In conclusione, il trattamento adiuvante che ha incluso Lapatinib non ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia rispetto al solo Trastuzumab e ha aggiunto tossicità.
Un anno di Trastuzumab adiuvante rimane lo standard di cura. ( Xagena2016 )

Piccart-Gebhart M et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1034-1042

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro