Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore prostata
Tumori testa-collo

Irradiazione accelerata parziale della mammella utilizzando brachiterapia interstiziale multicatetere unica vs irradiazione di tutto il seno con intensificazione dopo chirurgia conservativa del seno per carcinoma a basso rischio invasivo e in-situ de


In uno studio di fase 3, randomizzato, di non-inferiorità, l’irradiazione accelerata parziale della mammella per pazienti con cancro al seno in stadio 0, I e IIA che hanno subito un trattamento conservativo del seno è stata confrontata con l'irradiazione di tutto il seno.

Sono stati presentati i risultati di follow-up a 5 anni.

È stato effettuato uno studio di fase 3, randomizzato, di non-inferiorità presso 16 ospedali e centri medici in 7 Paesi europei.

1.184 pazienti con carcinoma a basso rischio invasivo e duttale in-situ trattate con chirurgia conservativa del seno sono state randomizzate a irradiazione di tutto il seno o a irradiazione accelerata parziale della mammella mediante brachiterapia multicatetere.

L'endpoint primario era la recidiva locale.

Tra il 2004 e il 2009, 551 pazienti hanno subito irradiazione di tutto il seno con intensificazione del letto tumorale e 633 pazienti hanno ricevuto irradiazione accelerata parziale della mammella utilizzando brachiterapia interstiziale multicatetere.

Al follow-up a 5 anni, 9 pazienti trattate con irradiazione accelerata parziale della mammella e 5 pazienti trattate con irradiazione di tutto il seno hanno avuto una recidiva locale; l'incidenza cumulativa di recidiva locale è stata pari a 1.44% con l’irradiazione accelerata parziale della mammella e a 0.92% con l’irradiazione di tutto il seno ( differenza 0.52%, P=0.42 ).

Non sono stati riportati effetti collaterali tardivi di grado 4. Il rischio a 5 anni di effetti collaterali per la pelle di grado 2-3 tardivi è stato del 3.2% con irradiazione accelerata parziale della mammella rispetto a 5.7% con l'irradiazione di tutto il seno ( P=0.08 ), e il rischio a 5 anni di effetti collaterali del tessuto sottocutaneo di grado 2-3 tardivi è stato del 7.6% contro il 6.3% ( P=0.53 ).

Il rischio a 5 anni di fibrosi grave ( grado 3 ) è stata dello 0.2% con l'irradiazione di tutto il seno e dello 0% con irradiazione accelerata parziale della mammella ( P=0.46 ).

La differenza tra i trattamenti è stata inferiore al margine di rilevanza di 3 punti percentuali.

Pertanto, l’irradiazione accelerata parziale della mammella adiuvante con brachiterapia multicatetere dopo chirurgia conservativa del seno in pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale non è inferiore a irradiazione adiuvante di tutto il seno relativamente al controllo locale a 5 anni, alla sopravvivenza libera da malattia e alla sopravvivenza globale. ( Xagena2016 )

Strnad V et al, Lancet 2016; 387: 229-238

Onco2016 Gyne2016 Chiru2016



Indietro