Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
ForumOncologico

Incidenza e gestione della diarrea nelle pazienti con tumore al seno HER2-positivo trattate con Pertuzumab


Pertuzumab ( Parjeta ) interrompe l'eterodimerizzazione tra il recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) e il recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ), HER3 e HER4.
Pertanto, Pertuzumab potrebbe causare eventi avversi simili a quelli osservati con gli antagonisti EGFR, come la diarrea.

Sono state riportate l'incidenza e la gravità della diarrea osservata con Pertuzumab negli studi CLEOPATRA, NeoSphere e TRYPHAENA.

Le pazienti ( n=1.443 ) avevano tumore al seno metastatico ( CLEOPATRA, n=804 ) o in fase precoce ( NeoSphere, n=416, e TRYPHAENA, n=223 ).
L'incidenza e la gravità della diarrea sono state analizzate in base al trattamento ricevuto.
Sono state valutate anche l'incidenza della neutropenia febbrile in concomitanza con la diarrea e l'effetto della comorbidità gastrointestinale preesistente.
Le analisi di sottogruppo sono state eseguite usando i dati di CLEOPATRA.

L'incidenza di diarrea di tutti i gradi negli studi era generalmente maggiore per i trattamenti basati su Pertuzumab, dal 28% al 72% ( grado 1, 21%-54%; grado 2, 8%-37%; grado 3, 0%-12%; grado 4, 0% ).

L'incidenza è stata più alta durante il primo ciclo contenente Pertuzumab, diminuendo nei cicli successivi.
I ritardi o le interruzioni di dosaggio dovute alla diarrea sono stati infrequenti, da 0% a 8%.

Tra le pazienti trattate con Pertuzumab con diarrea, il 47-67% ha ricevuto un intervento farmacologico, più comunemente con Loperamide.

La sovrapposizione tra la diarrea e la neutropenia febbrile è stata rara, da 0% a 11%.

Non è stata osservata alcuna relazione tra pre-esistente comorbidità gastrointestinale e diarrea.

Nello studio CLEOPATRA, le pazienti di 65 anni e oltre trattate con Pertuzumab hanno presentato una maggiore incidenza di diarrea di grado 3 rispetto ai pazienti con meno di 65 anni (1 9% vs 8% ).
La diarrea di tutti i gradi si è verificata con maggiore frequenza tra le pazienti asiatiche trattate con Pertuzumab rispetto alle pazienti bianche con tumore alla mammella metastatico ( 74% vs 63% ); i corrispondenti tassi nel braccio di controllo sono stati rispettivamente del 53% e del 45%.

In conclusione, sia nei casi di cancro al seno metastatico che nei casi di cancro al seno in fase iniziale, la diarrea è risultata comune, ma gestibile, per tutti i regimi contenenti Pertuzumab.
Gli episodi di diarrea sono stati prevalentemente di basso grado e si sono verificati più spesso durante il primo ciclo di trattamento.
I ritardi nella somministrazione o la sospensione del farmaco connessi con la diarrea sono stati poco comuni. ( Xagena2017 )

Swain SM et al, Ann Oncol 2017; 28: 761-768

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro