Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore Ovaie

I beta-bloccanti non-selettivi possono migliorare la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma ovarico epiteliale


Da una revisione è emerso che l'impiego di beta-bloccanti non-selettivi sembra migliorare la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma ovarico epiteliale.

C'è un crescente interesse per il ruolo degli ormoni dello stress sulla crescita del cancro e la diffusione delle metastasi.
E’stato in precedenza dimostrato che i recettori beta-adrenergici giocano un ruolo importante nel mediare tali effetti.
I farmaci che bloccano tali recettori sono chiamati beta-bloccanti e vengono utilizzati per una varietà di condizioni come le malattie cardiache e gli alti valori pressori.

Ricercatori hanno esaminato l'impatto sulla sopravvivenza dei beta-bloccanti selettivi e di quelli non-selettivi.

Alcuni studi avevano già dimostrato che i beta-bloccanti possono essere di beneficio per i malati di cancro, ma i sottotipi di questi farmaci non erano stati esaminati in dettaglio.

Il nuovo studio ha valutato l'esito dei pazienti con tumore dell’ovaio tra coloro che stavano prendendo farmaci selettivi per i recettori beta-1 adrenergici o i beta-bloccanti non-selettivi o nessuno di tali farmaci.

I ricercatori hanno condotto una revisione delle cartelle per identificare 1.425 donne ( età media, 63 anni; range: 21-93 anni ) con carcinoma ovarico epiteliale che erano stati diagnosticati e trattati presso una delle quattro istituzioni tra il 2000 e il 2010.

Complessivamente, 269 pazienti ( 18.9% ) avevano impiegato beta-bloccanti. Di questi pazienti, il 71.7% utilizzava beta-bloccanti selettivi e il 28.3% quelli non-selettivi.

L'ipertensione era il più comune motivo alla base dell'uso dei beta-bloccanti, seguito da aritmie e dal trattamento dei post-infartuati.
Le donne che hanno assunto i beta-bloccanti erano più anziane, avevano un indice di massa corporea ( BMI ) più elevato, e avevano una maggiore probabilità di avere ipertensione.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 47.8 mesi tra i pazienti con qualsiasi beta-bloccante rispetto ai 42 mesi per i non-utilizzatori ( P =0.04 ).

I dati stratificati in base alla selettività del beta-bloccante hanno evidenziato che le donne che hanno utilizzato i beta-bloccanti non-selettivi avevano una sopravvivenza mediana globale di 94.9 mesi contro 38 mesi tra le donne che avevano fatto uso di beta-bloccanti selettivi ( P inferiore a 0.001 ).

L'ipertensione è apparsa associata alla meno favorevole sopravvivenza globale in tutta la popolazione di studio ( 40.1 mesi vs 47.4 mesi; p inferiore a 0.001 ).
Tuttavia, i beta-bloccanti non-selettivi hanno migliorato significativamente la sopravvivenza globale rispetto al non-uso anche tra le donne con ipertensione ( 90 mesi vs 34.2 mesi; p inferiore a 0.001 ).
Le donne con ipertensione che hanno ricevuto i beta-bloccanti selettivi avevano anche una più prolungata sopravvivenza globale rispetto ai non-utilizzatori, anche se in misura minore ( 38.2 mesi vs 34.2 mesi; p = 0.007 ).

Dallo studio è emerso che il maggior beneficio era per coloro che avevano assunto i beta-bloccanti non-selettivi rispetto agli altri due gruppi.
Questi risultati sono coerenti con un crescente corpo di ricerca che ha dimostrato che i recettori beta-2 e probabile beta-3 adrenergici svolgono un importante ruolo nella crescita e nella diffusione del cancro.

Lo studio era un'analisi retrospettiva e ulteriori studi prospettici saranno importanti nel definire il ruolo di questi farmaci nel malato oncologico.

Esperienze stressanti, come una diagnosi di cancro, può attivare la via di segnalazione neurosensoriale e successiva attivazione della via adrenergica.
La stimolazione adrenergica modula negativamente il microambiente tumorale ovarico e promuove la segnalazione proliferativa e la progressione maligna.
Questo rende gli antagonisti beta-adrenergici un razionale approccio terapeutico. ( Xagena2015 )

Fonte: Cancer, 2015

Onco2015 Gyne2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro