Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
Melanome

Exemestane nella prevenzione del tumore alla mammella nelle donne in postmenopausa


Il Tamoxifene e il Raloxifene presentano una ridotta compliance da parte del paziente nella prevenzione primaria del tumore al seno. Gli inibitori dell'aromatasi prevengono più tumori alla mammella controlaterali e causano meno effetti collaterali rispetto al Tamoxifene ( Nolvadex ) nei pazienti con cancro alla mammella in stadio precoce.

Uno studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco riguardante Exemestane ( Aromasin ), progettato per rilevare una riduzione del 65% del carcinoma mammario invasivo, ha arruolato donne in postmenopausa di 35 anni di età o più anziane con almeno uno dei seguenti fattori di rischio: 60 anni di età o superiore; punteggio Gail a 5 anni superiore a 1.66% ( probabilità su 100 di sviluppare carcinoma mammario invasivo entro 5 anni ); precedente iperplasia atipica duttale o lobulare o carcinoma lobulare in situ o carcinoma duttale in situ con mastectomia.

Un totale di 4.560 donne con età mediana di 62.5 anni e punteggio Gail mediano di 2.3% sono state assegnate casualmente a Exemestane ( Aromasin ) oppure placebo.

Ad un follow-up mediano di 35 mesi, 11 carcinomi mammari invasivi sono stati individuati nel gruppo Exemestane e 32 nel gruppo placebo, con una riduzione del 65% rispetto all'incidenza annuale di cancro mammario invasivo ( 0.19% versus 0.55%; hazard ratio, HR=0.35; P=0.002 ).

L'incidenza annuale di tumori al seno ( carcinoma duttale in situ ), invasivi più non-invasivi, è stata dello 0.35% tra le pazienti trattate con Exemestane e 0.77% nel gruppo placebo ( HR=0.47; p=0.004 ).

Gli eventi avversi si sono verificati nell’88% dei pazienti nel gruppo Exemestane e nell'85% di quelli nel gruppo placebo ( P =0.003 ), senza differenze significative tra i due gruppi in termini di fratture scheletriche, eventi cardiovascolari, altri tipi di cancro, o di decessi correlati al trattamento.
Sono state osservate differenze minime nella qualità di vita.

In conclusione, Exemestane ha ridotto in modo significativo il cancro mammario invasivo nelle donne in postmenopausa, che presentavano un rischio moderatamente aumentato di tumore al seno.
Durante un periodo mediano di follow-up di 3 anni, Exemestane è risultato associato a nessun grave effetto tossico e solo a minimi cambiamenti nella qualità di vita correlata. ( Xagena2011 )

Goss PE et al, N Engl J Med, 2011; Epub ahead of print


Onco2011 Farma2011 Gyne2011


Indietro