Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
Tumori testa-collo

Esiti cognitivi correlati al cancro tra i sopravvissuti più anziani al carcinoma mammario


Sono stati determinati il trattamento e gli effetti correlati all'invecchiamento sulla funzione cognitiva nei sopravvissuti più anziani al cancro alla mammella.

Tra il 2010 e il 2015 sono stati reclutati sopravvissuti al cancro al seno non-metastatico di nuova diagnosi ( n=344 ) e controlli corrispondenti senza cancro ( n=347 ) di età pari o superiore a 60 anni senza demenza o malattia neurologica.

La raccolta dei dati si è verificata durante il trattamento presistemico / arruolamento dei controlli e a 12 e 24 mesi attraverso campioni biologici; sondaggi; valutazioni autoriportate mediante la scala FACT-Cog [ Functional Assessment of Cancer Therapy-Cognitive Function ]; e test neuropsicologici che hanno misurato attenzione, velocità di elaborazione e funzione esecutiva ( APE ) e apprendimento e memoria.

Modelli a effetti misti lineari hanno testato le interazioni a doppio senso del gruppo di trattamento ( controllo, chemioterapia con o senza terapia ormonale e terapia ormonale ) e il tempo e le interazioni a tre vie esplorate di ApoE ( epsilon-4+ versus epsilon-4- ) per gruppo in base al tempo; le covariate includevano età di base, fragilità, etnia e riserva cognitiva.

I sopravvissuti e i controlli avevano una età compresa tra 60 e 98 anni, erano ben istruiti e avevano punteggi cognitivi di riferimento simili.

Il trattamento era correlato a punteggi longitudinali di cognizione, con i sopravvissuti che ricevevano la chemioterapia con punteggi APE sempre peggiori ( P=0.05 ) e quelli che iniziavano la terapia ormonale con punteggi di apprendimento e memoria più bassi a 12 mesi ( P=0.03 ), rispetto ad altri gruppi.

Queste differenze di gruppo per periodo variavano a seconda del genotipo ApoE, dove solo i sopravvissuti epsilon4+ che ricevevano terapia ormonale hanno avuto diminuzioni a breve termine dei punteggi aggiustati di apprendimento e memoria ( P di interazione a tre vie=0.03 ).

Riguardo all'attenzione, velocità di processamento e funzione esecutiva, l'interazione a tre vie non è risultata significativa ( P=0.14 ), ma i punteggi erano significativamente più bassi per i sopravvissuti epsilon-4+ esposti a chemioterapia ( -0.40 ) a 24 mesi rispetto ai controlli epsilon-4+ ( 0.01, P minore di 0.05 ).

L'aumento dell'età è risultato associato a punteggi di base più bassi per tutte le misure cognitive ( P minore di 0.001 ); la fragilità è stata associata all'APE ( attenzione, velocità di processamento, e funzione esecutiva ) basale e al declino auto-riportato ( P minore di 0.001 ).

In conclusione, il trattamento sistemico del carcinoma al seno e i fenotipi e genotipi correlati all'invecchiamento sono associati a diminuzioni longitudinali dei punteggi delle funzioni cognitive nei sopravvissuti più anziani.
Questi dati potrebbero informare il processo decisionale del trattamento e la pianificazione dell'assistenza ai sopravvissuti. ( Xagena2018 )

Mandelblatt JS et al, J Clin Oncol 2018; 36: 3211-3222

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro