Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Efficacia e sicurezza di Tisotumab vedotin nel tumore della cervice ricorrente o metastatico precedentemente trattato: studio innovaTV 204/GOG-3023/ENGOT-cx6


Esistono pochi trattamenti efficaci di seconda linea per le donne con tumore della cervice ricorrente o metastatico. Di conseguenza, sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Tisotumab vedotin, un coniugato anticorpo-farmaco diretto al fattore tissutale, in questa popolazione di pazienti.

Uno studio multicentrico, in aperto, a braccio singolo, di fase 2, è stato condotto in 35 centri accademici, ospedali e cliniche di comunità in Europa e negli Stati Uniti.
Lo studio ha incluso pazienti di età pari o superiore a 18 anni che avevano tumore della cervice a cellule squamose ricorrente o metastatico, adenocarcinoma o tumore della cervice adenosquamoso; progressione della malattia durante o dopo la doppia chemioterapia con Bevacizumab, se idoneo secondo gli standard locali; che avevano ricevuto due o meno regimi sistemici precedenti per malattia ricorrente o metastatica; che avevano una malattia misurabile in base ai criteri RECIST versione 1.1 di valutazione della risposta nei tumori; e che avevano un ECOG performance status pari a 0 o 1.

Le pazienti hanno ricevuto 2.0 mg/kg, fino a un massimo di 200 mg, di Tisotumab vedotin per via endovenosa una volta ogni 3 settimane fino a progressione della malattia, determinata dal Comitato di revisione indipendente, o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva confermata basato su RECIST versione 1.1, valutato dal Comitato di revisione indipendente.
Le analisi di attività e sicurezza sono state effettuate in pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco.

Tra il 2018 e il 2019 sono state arruolate 102 pazienti; 101 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di Tisotumab vedotin.

Il follow-up mediano al momento dell'analisi era di 10.0 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato è stato del 24%, con 7 ( 7% ) risposte complete e 17 ( 17% ) risposte parziali.

Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni hanno incluso alopecia ( 38 su 101 pazienti, 38% ), epistassi ( 30, 30% ), nausea ( 27, 27% ), congiuntivite ( 26, 26% ), affaticamento ( 26, 26% ) e occhi secchi ( 23, 23% ).
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o peggiore sono stati riportati in 28 pazienti ( 28% ), e hanno incluso neutropenia ( 3 pazienti, 3% ), affaticamento ( 2, 2% ), cheratite ulcerosa ( 2, 2% ), e neuropatie periferiche ( 2 ciascuna con neuropatia sensoriale, motoria, sensomotoria e periferica, 2% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 13 pazienti ( 13% ), il più comune dei quali includeva neuropatia sensomotoria periferica ( 2 pazienti, 2% ) e piressia ( 2, 2%).

Un decesso dovuto a shock settico è stato considerato correlato alla terapia. Sono stati segnalati 3 decessi non-correlati al trattamento, tra cui un caso di ileo e due cause sconosciute.

Tisotumab vedotin ha mostrato un'attività antitumorale clinicamente significativa e duratura con un profilo di sicurezza gestibile e tollerabile in donne con tumore della cervice ricorrente o metastatico precedentemente trattato.
Data la prognosi sfavorevole per questa popolazione di pazienti e la scarsa attività delle attuali terapie in questo contesto, Tisotumab vedotin, se approvato, rappresenterebbe un nuovo trattamento per le donne con tumore della cervice ricorrente o metastatico. ( Xagena2021 )

Coleman RL et al, Lancet Oncology 2021; 22: 609-619

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro