Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

Effetto di Trastuzumab adiuvante per 9 settimane rispetto a 1 anno con chemioterapia concomitante per tumore alla mammella in fase precoce HER2-positivo: studio SOLD


Trastuzumab ( Herceptin ) più la chemioterapia è il trattamento adiuvante standard per le pazienti con cancro mammario in stadio precoce positivo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ).
Mentre la durata standard del trattamento con Trastuzumab è di 12 mesi, i benefici e i danni di Trastuzumab continuativo oltre la chemioterapia non sono ben definiti.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza del Trastuzumab adiuvante proseguito oltre la chemioterapia nelle donne trattate inizialmente con chemioterapia, contenente un taxano, e Trastuzumab.
Lo studio, in aperto, randomizzato in un rapporto 1:1, comprendeva donne con carcinoma mammario HER2+.

La chemioterapia era identica nei due gruppi; consisteva di 3 cicli di Docetaxel ogni 3 settimane ( 80 o 100 mg/m2 ) più Trastuzumab per 9 settimane, seguito da 3 cicli di Fluorouracile, Epirubicina e Ciclofosfamide.
Successivamente, non è stato somministrato Trastuzumab nel gruppo di 9 settimane, mentre i controlli hanno ricevuto Trastuzumab per completare 1 anno di somministrazione.

È stata confrontata la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) tra i gruppi.
La dimensione stimata del campione era di 2.168 pazienti ( con un margine relativo di non-inferiorità di 1.3 ).

Dal 2008 al 2014, sono stati arruolati da 7 Paesi 2.176 pazienti ed è stato somministrato Docetaxel più Trastuzumab per 9 settimane, seguito da 3 cicli di Fluorouracile, Epirubicina e Ciclofosfamide in entrambi i gruppi.
I controlli hanno continuato ad assumere Trastuzumab fino a 1 anno.

L'esito principale era la sopravvivenza senza malattia; gli esiti secondari includevano la sopravvivenza libera da malattia a distanza, la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da malattia cardiaca e la sicurezza.

Nelle 2.174 donne analizzate, l'età media era di 56 anni. Il follow-up mediano è stato di 5.2 anni.

Non è stato possibile dimostrare la non-inferiorità del trattamento di 9 settimane per la sopravvivenza libera da malattia ( hazard ratio, HR=1.39) .
La sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza globale non differivano sostanzialmente tra i gruppi.

36 ( 3% ) e 21 ( 2% ) pazienti nei gruppi di 1 anno e di 9 settimane, rispettivamente, hanno manifestato insufficienza cardiaca; la frazione di eiezione del ventricolo sinistro è stata mantenuta meglio nel gruppo di 9 settimane.

È stata rilevata una interazione tra la dose di Docetaxel e la sopravvivenza libera da malattia; le pazienti nel gruppo di 9 settimane trattate con 80 mg/m2 avevano una sopravvivenza senza malattia inferiore e e donne trattate con 100 mg/m2 avevano una sopravvivenza libera da malattia simile a quella delle pazienti nel gruppo di 1 anno.

In conclusione, 9 settimane di Trastuzumab sono risultate non-inferiori a 1 anno di Trastuzumab quando sono state trattate con simile chemioterapia.
La sicurezza cardiaca è stata migliore nel gruppo di 9 settimane.
Il dosaggio di Docetaxel con Trastuzumab richiede ulteriori studi. ( Xagena2018 )

Joensuu H et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1199-1206

Gyne2018 Onco2018 Farma2018


Indietro