Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Effetto di Abemaciclib più Fulvestrant sulla sopravvivenza globale nel carcinoma alla mammella HR-positivo, ERBB2-negativo, progredito con la terapia endocrina: studio MONARCH 2


Non sono ancora stati dimostrati benefici di sopravvivenza globale ( OS ) statisticamente significativi degli inibitori di CDK4 e CDK6 in combinazione con Fulvestrant ( Faslodex ) per il tumore mammario avanzato ( ABC ) positivo al recettore ormonale ( HR ), negativo a ERBB2 ( ex HER2 ), indipendentemente dallo stato menopausale dopo una precedente terapia endocrina.

È stato confrontato l'effetto di Abemaciclib ( Verzenios ) più Fulvestrant versus placebo più Fulvestrant sulla sopravvivenza globale all'interim prespecificato di MONARCH 2 ( 338 eventi ) nei pazienti con tumore mammario avanzato HR-positivo, ERBB2-negativo, progredito durante precedente terapia endocrina.

MONARCH 2 era uno studio di fase 3 globale, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco di Abemaciclib più Fulvestrant versus placebo più Fulvestrant per il trattamento di donne in premenopausa o perimenopausa ( con soppressione ovarica ) e in postmenopausa con cancro al seno avanzato HR-positivo, ERBB2-negativo progredito durante terapia endocrina.
Le pazienti sono state arruolate tra il 2014 e il 2015.

Le pazienti sono state randomizzate a ricevere Abemaciclib oppure placebo 150 mg, ogni 12 ore in un programma continuo più Fulvestrant 500 mg.
La randomizzazione è stata stratificata in base al sito di metastasi ( viscerale, solo osseo o altro ) e alla resistenza alla precedente terapia endocrina ( primaria vs secondaria ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. La sopravvivenza globale era un endpoint secondario chiave.
Il valore P limite per l'analisi ad interim era 0.02.

Su 669 donne arruolate, 446 ( età mediana 59 anni ) sono state randomizzate al braccio Abemaciclib più Fulvestrant e 223 ( età mediana 62 anni ) sono state randomizzate al braccio placebo più Fulvestrant.

All'interim prespecificato, sono stati osservati 338 decessi ( 77% dei 441 pianificati all'analisi finale ) nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), con una sopravvivenza globale mediana di 46.7 mesi per Abemaciclib più Fulvestrant e 37.3 mesi per placebo più Fulvestrant ( hazard ratio HR, 0.757; P=0.01 ).

Il miglioramento della sopravvivenza globale è stato costante per tutti i fattori di stratificazione.
Tra i fattori di stratificazione, sono stati osservati effetti più pronunciati nelle pazienti con malattia viscerale ( HR, 0.675 ) e resistenza primaria alla precedente terapia endocrina ( HR, 0.686 ).

Anche il tempo alla seconda progressione della malattia ( mediana, 23.1 mesi vs 20.6 mesi ), il tempo alla chemioterapia ( mediana, 50.2 mesi vs 22.1 mesi ) e la sopravvivenza libera da chemioterapia ( mediana, 25.5 mesi vs 18.2 mesi ) sono migliorati in modo statisticamente significativo nel braccio Abemaciclib versus braccio placebo.
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza per Abemaciclib.

Il trattamento con Abemaciclib più Fulvestrant ha determinato un miglioramento della sopravvivenza globale mediana statisticamente significativo e clinicamente significativo di 9.4 mesi per le pazienti con carcinoma al seno HR-positivo, ERBB2-negativo, progredito dopo una precedente terapia endocrina, indipendentemente dallo stato menopausale. Abemaciclib ha sostanzialmente ritardato la ricezione di una successiva chemioterapia. ( Xagena2020 )

Sledge Jr GW et al, JAMA Oncol 2020; 6: 116-124

Gyne2020 Onco2020 Farma2020



Indietro