Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

DNA tumorale circolante e recidiva tardiva nel cancro al seno ad alto rischio HR+/HER2-


Sono state esaminate la prevalenza e la dinamica del DNA tumorale circolante ( ctDNA ) e la sua associazione con la recidiva metastatica nei pazienti con tumore mammario positivo al recettore ormonale ( HR+ ) in stadio iniziale ad alto rischio a più di 5 anni dalla diagnosi.

Sono stati arruolati 103 pazienti con cancro al seno ad alto rischio in stadio II-III HR+ diagnosticati più di 5 anni prima senza evidenza clinica di recidiva.
È stato eseguito il sequenziamento dell'intero esoma ( WES ) sul tessuto tumorale primario per identificare le mutazioni somatiche tracciate tramite un test ctDNA personalizzato e informato sul tumore per rilevare la malattia residua minima ( MRD ).

È stato raccolto plasma al momento del consenso e alle visite di routine ogni 6-12 mesi. I pazienti sono stati seguiti per recidiva clinica.

In totale, 85 pazienti su 103 avevano tessuto tumorale sufficiente; di questi, 83 su 85 pazienti ( 97.6% ) hanno avuto successo nel sequenziamento dell'intero esoma.
I saggi personalizzati del ctDNA sono stati progettati mirando a una mediana di 36 varianti per testare 219 campioni di plasma.
Il tempo mediano dalla diagnosi al primo campione è stato di 8.4 anni.

Il follow-up mediano è stato di 10.4 anni dalla diagnosi e 2.0 anni dal primo campione.
Il numero mediano di campioni di plasma per paziente era 2. 8 pazienti ( 10% ) hanno avuto un test MRD positivo in qualsiasi momento.

In tutto 6 pazienti ( 7.2% ) hanno sviluppato una recidiva metastatica a distanza, tutti MRD-positivi prima della recidiva clinica conclamata, con un lead time mediano del ctDNA di 12.4 mesi.
La malattia MRD non è stata identificata in un paziente ( 1.2% ) con recidiva locale.
2 degli 8 pazienti MRD-positivi non avevano avuto recidive cliniche all'ultimo follow-up.

In questo studio prospettico, in pazienti con tumore alla mammella HR+ ad alto rischio nel setting adiuvante tardivo, il ctDNA è stato identificato a una mediana di 1 anno prima di tutti i casi di metastasi a distanza.
Studi futuri determineranno se l'intervento guidato dal ctDNA nei pazienti con carcinoma mammario HR+ può alterare gli esiti clinici. ( Xagena2022 )

Lipsyc-Sharf M et al, J Clin Oncol 2022; 40: 2408-2419

Gyne2022 Onco2022 Diagno2022



Indietro