Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore Mammella

Denosumab come adiuvante è efficace nelle pazienti in postmenopausa con tumore alla mammella positivo al recettore ormonale


Nelle donne in post-menopausa con tumore mammario positivo al recettore ormonale ( HR+ ) in stadio precoce, il trattamento con inibitori dell’aromatasi in setting adiuvante è lo standard di cura, ma aumenta il rischio di osteoporosi e fratture.

I risultati dello studio ABCSG-18 hanno dimostrato che Denosumab ( Prolia ) come coadiuvante della terapia con inibitori dell'aromatasi ha ridotto significativamente le fratture cliniche.
Gli esiti di sopravvivenza libera da malattia di ABCSG-18 non sono stati ancora segnalati.

Pazienti in postmenopausa con adenocarcinoma della mammella in stadio precoce, positivo al recettore dell’ormone, non-metastatico, che avevano completato il percorso di trattamento adiuvante iniziale ( chirurgia, radioterapia, o chemioterapia o una combinazione ) e stavano ricevendo inibitori dell’aromatasi adiuvanti, sono state arruolate in 58 Centri in Austria e Svezia in questo studio di fase 3, prospettico, in doppio cieco, controllato con placebo.

La randomizzazione è stata stratificata per precedente uso di inibitore dell'aromatasi, punteggio di densità minerale ossea della colonna vertebrale lombare totale al basale e tipo di Centro e le pazienti sono state assegnate a ricevere Denosumab per via sottocutanea ( 60 mg ) oppure placebo ogni 6 mesi durante la terapia con inibitori dell'aromatasi.

L'endpoint primario precedentemente riportato era il momento della prima frattura clinica dopo la randomizzazione.
L'endpoint secondario qui riportato era la sopravvivenza libera da malattia ( definita come il tempo dalla randomizzazione alla prima evidenza di metastasi locali o distanti, neoplasia mammaria controlaterale, carcinoma secondario o morte per qualsiasi causa ) nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2006 e il 2013, 3.425 pazienti idonee sono state arruolate e assegnate in modo casuale; 1.711 al gruppo Denosumab e 1.709 al gruppo placebo ( con altri 5 pazienti che hanno ritirato il consenso ).

Dopo un follow-up mediano di 73 mesi, 240 pazienti ( 14.0% ) nel gruppo Denosumab e 287 ( 16.8% ) nel gruppo placebo hanno avuto eventi di sopravvivenza libera da malattia.

La sopravvivenza libera da malattia è risultata significativamente migliorata nel gruppo Denosumab rispetto al gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.82, Cox P=0.0260; analisi descrittiva, senza controllo per la molteplicità ).
Nel gruppo Denosumab, la sopravvivenza libera da malattia è stata pari all'89.2% a 5 anni e all'80.6% a 8 anni di follow-up, rispetto a 87.3% a 5 anni e 77.5% a 8 anni nel gruppo placebo.

Non sono stati registrati casi, giudicati indipendentemente, di osteonecrosi della mascella o fratture femorali atipiche confermate.

Il numero totale di eventi avversi è stato simile nel gruppo Denosumab ( 1.367 eventi avversi, inclusi 521 gravi ) e nel gruppo placebo ( 1.339, 515 gravi ).
Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati artrosi ( 62 su 1.709 nel gruppo Denosumab, 3.6%, vs 58 su 1.690 nel gruppo placebo, 3.4% ), danno al menisco ( 23, 1.3%, vs 24,1.4% ) e cataratta ( 16, 0.9%, vs 28, 1.7% ).

Un decesso correlato al trattamento ( inferiore allo 0.1%, a causa di polmonite, insufficienza renale settica e scompenso cardiaco ) si è verificato nel gruppo Denosumab.

Denosumab costituisce un trattamento adiuvante efficace e sicuro per le pazienti in post-menopausa con cancro alla mammella in fase precoce positivo al recettore ormonale in trattamento con inibitori dell'aromatasi. ( Xagena2019 )

Gnant M et al, Lancet Oncology 2019; 20: 339-351

Onco2019 Gyne2019 Endo2019 Farma2019


Indietro