Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
OncoPneumologia

Chemioterapia per ricorrenza locoregionale isolata di tumore alla mammella


Le pazienti con ricorrenze locoregionali isolate di carcinoma mammario hanno un elevato rischio di metastasi a distanza e decesso da cancro al seno.

È stato condotto uno studio per valutare se la chemioterapia adiuvante fosse in grado di migliorare l’esito in questi pazienti.

Lo studio CALOR era uno studio pragmatico, in aperto e randomizzato che ha reclutato pazienti con ricorrenze locoregionali isolate dimostrate per via istologica e completamente asportate dopo tumore alla mammella unilaterale che erano state sottoposte a mastectomia o lumpectomia con margini chirurgici puliti.

Le pazienti eleggibili sono state arruolate da ospedali in tutto il mondo e sono state randomizzate in un rapporto 1:1 a chemioterapia ( tipo selezionato dal ricercatore; terapia multi-farmacologica raccomandata per almeno 4 cicli ) o assenza di chemioterapia, e sono state stratificate per precedente chemioterapia, status del recettore per l’estrogeno e recettore per il progesterone e posizione delle ricorrenze locoregionali isolate.

Le pazienti con ricorrenze locoregionali isolate positive per il recettore per l’estrogeno hanno ricevuto terapia endocrina adiuvante, la radioterapia è stata imposta per le pazienti con margini chirurgici microscopicamente positivi e la terapia anti-HER2 era opzionale.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia.

Tutte le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

Nel periodo 2003-2010, 85 pazienti sono state assegnate in maniera casuale a ricevere chemioterapia e 77 a non-riceverla.

A un follow-up mediano di 4.9 anni, 24 ( 28% ) pazienti hanno mostrato eventi di sopravvivenza libera da malattia nel gruppo chemioterapia rispetto a 34 ( 44% ) nel gruppo senza chemioterapia.

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata pari al 69% con chemioterapia versus 57% senza chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.59; p=0.046 ).

La chemioterapia adiuvante è risultata significativamente più efficace per le donne con ricorrenze locoregionali isolate negative per il recettore dell’estrogeno ( p per interazione 0.046 ), ma le analisi della sopravvivenza libera da malattia in base allo status del recettore dell’estrogeno del tumore primario non sono risultate statisticamente significative ( p per interazione 0.43 ).

Degli 81 pazienti che non avevano ricevuto chemioterapia, 12 ( 15% ) sono andati incontro a eventi avversi gravi.

Gli eventi avversi più comuni sono stati: neutropenia, neutropenia febbrile e infezione intestinale.

In conclusione, la chemioterapia adiuvante dovrebbe essere raccomandata per pazienti con ricorrenze locoregionali isolate di carcinoma mammario completamente resecate, soprattutto se la ricorrenza è negativa per il recettore dell’estrogeno. ( Xagena2014 )

Aebi S et al, Lancet Oncol 2014; 15: 156-163

Onco2014 GYne2014



Indietro