Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
OncoGeriatria
ForumOncologico

Chemioterapia intraperitoneale ipertermica nel carcinoma dell'ovaio


Il trattamento del tumore ovarico in stadio avanzato di nuova diagnosi di solito comporta la chirurgia citoriduttiva e la chemioterapia sistemica.
Si è verificato se l'aggiunta di chemioterapia intraperitoneale ipertermica ( HIPEC ) all'intervento chirurgico citoriduttivo possa migliorare gli esiti tra le pazienti che stavano ricevendo la chemioterapia neoadiuvante per carcinoma ovarico epiteliale in stadio III.

In uno studio di fase 3, multicentrico, in aperto, sono state assegnate in modo casuale 245 pazienti che presentavano almeno una malattia stabile dopo 3 cicli di Carboplatino ( area sotto la curva [ AUC ] da 5 a 6 mg per millilitro al minuto ) e Paclitaxel ( 175 mg per metro quadrato di superficie corporea ) a sottoporsi a chirurgia citoriduttiva di intervallo con o senza somministrazione di HIPEC con Cisplatino ( 100 mg per metro quadrato ).

La randomizzazione è stata eseguita al momento dell'intervento chirurgico nei casi in cui fosse ritenuto fattibile un intervento chirurgico che risultasse in nessuna malattia visibile ( citoriduzione completa ) o un intervento chirurgico dopo il quale rimanessero uno o più tumori residui di diametro pari o inferiore a 10 mm ( citoriduzione ottimale ).
Tre ulteriori cicli di Carboplatino e Paclitaxel sono stati somministrati dopo l'intervento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da recidiva.

Nell'analisi intention-to-treat, si sono verificati eventi di recidiva o morte da malattia in 110 delle 123 pazienti ( 89% ) sottoposte a chirurgia citoriduttiva senza HIPEC ( gruppo chirurgia ) e in 99 delle 122 pazienti ( 81% ) sottoposte a chirurgia citoriduttiva con HIPEC ( gruppo chirurgia più HIPEC ) ( hazard ratio per recidiva o morte da malattia, HR=0.66; P=0.003 ).

La sopravvivenza media da recidiva è stata di 10.7 mesi nel gruppo chirurgia e di 14.2 mesi nel gruppo HIPEC.

A un follow-up mediano di 4.7 anni, 76 pazienti ( 62% ) nel gruppo di chirurgia e 61 pazienti ( 50% ) nel gruppo chirurgia più HIPEC erano decedute ( HR=0.67; P=0.02 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 33.9 mesi nel gruppo chirurgia e di 45.7 mesi nel gruppo HIPEC.

Tra le pazienti con cancro all'ovaio epiteliale in stadio III, l'aggiunta di HIPEC alla chirurgia citoriduttiva di intervallo ha comportato una più lunga sopravvivenza libera da recidiva e sopravvivenza complessiva rispetto alla sola chirurgia e non ha comportato tassi più elevati di effetti collaterali. ( Xagena2018 )

van Driel WJ et al, N Engl J Med 2018; 378: 230-240

Gyne2018 Onco2018



Indietro