Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Chemioterapia dose-dense settimanale nel trattamento di prima linea del tumore epiteliale dell'ovaio, delle tube di Falloppio o peritoneale primario: studio ICON8


La chemioterapia standard di prima linea per il tumore epiteliale ovarico è Carboplatino e Paclitaxel somministrati una volta ogni 3 settimane.
Lo studio JGOG 3016 ha riportato un miglioramento significativo della sopravvivenza globale ( OS ) e della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con Paclitaxel dose-dense settimanale e Carboplatino ogni 3 settimane.

Tuttavia, questo beneficio non è stato osservato nei risultati di sopravvivenza libera da progressione precedentemente riportati di ICON8.

Sono stati presentati gli esiti co-primari finali della sopravvivenza globale, e le analisi aggiornate della sopravvivenza libera da progressione di ICON8.

Nello studio di fase 3 ICON8, in aperto, randomizzato, controllato, donne di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma ovarico epiteliale, peritoneale primario o delle tube di Falloppio di nuova diagnosi in stadio IC-IV ( qui chiamato collettivamente tumore ovarico, come definito da criteri FIGO del 1988 ) e un ECOG performance status di 0-2 sono state reclutate da 117 ospedali con Dipartimenti di oncologia nel Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda, Messico, Corea del Sud e Irlanda.

Le pazienti potevano entrare nello studio dopo un intervento chirurgico primario immediato ( IPS ) o con un intervento chirurgico primario programmato ritardato ( DPS ) durante la chemioterapia o potevano non avere alcun intervento chirurgico pianificato.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale, utilizzando la linea di randomizzazione MRC CTU dell'University College London con stratificazione per gruppo Gynecologic Cancer Intergroup, stadio della malattia FIGO, esito e tempi dell'intervento chirurgico, aCarboplatino area sotto la curva ( AUC )5 o AUC6 tre volte alla settimana e Paclitaxel 175 mg/m2 tre volte alla settimana ( controllo; gruppo 1 ), Carboplatino AUC5 o AUC6 tre volte alla settimana e Paclitaxel 80 mg/m2 settimanale ( gruppo 2 ) o Carboplatino AUC2 settimanale e Paclitaxel 80 mg/m2 settimanale ( gruppo 3 ), tutti somministrati per infusione endovenosa per un totale di 6 cicli di 21 giorni.

Gli esiti co-primari sono stati la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale, con confronti effettuati tra il gruppo 2 e il gruppo 1, e il gruppo 3 e il gruppo 1, nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno iniziato almeno un ciclo di chemioterapia.

Tra il 2011 e il 2014, 1.566 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo 1 ( n=522 ), al gruppo 2 ( n=523 ) o al gruppo 3 ( n=521 ).
L'età mediana era di 62 anni; 1.073 pazienti su 1.566 ( 69% ) avevano un carcinoma sieroso di alto grado, 1.119 ( 71% ) avevano una malattia in stadio IIIC-IV e 745 ( 48% ) erano state sottoposte a chirugia immediata.

Al cutoff dei dati nel marzo 2020, con un follow-up mediano di 69 mesi, non è stata osservata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale in nessuno dei due confronti: sopravvivenza globale mediana di 47.4 mesi nel gruppo 1, 54.8 mesi nel gruppo 2 e 53.4 mesi nel gruppo 3 ( gruppo 2 vs gruppo 1: hazard ratio, HR=0.87; gruppo 3 vs gruppo 1: 0.91 ).

Nessuna differenza significativa è stata osservata per la sopravvivenza libera da progressione in entrambi i confronti ed è stata osservata evidenza di rischi non-proporzionali ( P=0.037 ), con un tempo di sopravvivenza medio limitato di 23.9 mesi nel gruppo 1, 25.3 mesi nel gruppo 2 e 24.8 mesi nel gruppo 3.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 sono stati: riduzione della conta dei neutrofili ( 78 su 511 pazienti, 15%, nel gruppo 1, 183 su 514, 36%, nel gruppo 2 e 154 su 513, 30%, nel gruppo 3 ), riduzione della conta dei globuli bianchi ( 22, 4%, nel gruppo 1, 80, 16%, nel gruppo 2 e 71, 14%, nel gruppo 3 ) e anemia ( 26, 5%, nel gruppo 1, 66, 13%, nel gruppo 2 e 24, 5%, nel gruppo 3 ).
Non sono stati segnalati nuovi eventi avversi gravi.

Sono stati segnalati 7 decessi correlati al trattamento ( 2 nel gruppo 1, 4 nel gruppo 2 e 1 nel gruppo 3 ).

Nella coorte di donne prevalentemente europee con tumore ovarico epiteliale, si è riscontrato che la chemioterapia dose-dense settimanale di prima linea non ha migliorato la sopravvivenza globale o la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia standard 3 volte a settimana e non dovrebbe essere utilizzata come parte della terapia standard multimodale di prima linea in questo gruppo di pazienti. ( Xagena2022 )

Clamp AR et al, Lancet Oncology 2022; 23: 919-930

Gyne2022 Onco2022 Chiru2022



Indietro