Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Chemioterapia con o senza Avelumab seguita da mantenimento con Avelumab rispetto alla sola chemioterapia in pazienti con tumore ovarico epiteliale precedentemente non-trattato: studio JAVELIN Ovarian 100


Sebbene la maggior parte delle pazienti con tumore ovarico epiteliale risponda alla chemioterapia di prima linea a base di Platino, circa il 70% recidiva entro 3 anni.
Lo studio di fase 3 JAVELIN Ovarian 100 ha confrontato Avelumab [ Bavencio ] ( anticorpo monoclonale anti-PD-L1 ) in combinazione con chemioterapia seguita da mantenimento con Avelumab, oppure chemioterapia seguita da mantenimento con Avelumab, rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con tumore ovarico epiteliale naive-al-trattamento.

JAVELIN Ovarian 100 è stato uno studio di fase 3 globale, in aperto, a tre bracci, parallelo, randomizzato, condotto presso 159 ospedali e centri di trattamento oncologico in 25 Paesi.
Le donne eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con tumore epiteliale dell'ovaio, tumore delle tube di Falloppio o tumore peritoneale in stadio III-IV ( a seguito di intervento chirurgico di debulking o candidate alla chemioterapia neoadiuvante ) e avevano un ECOG performance status di 0 o 1.

Le pazienti sono state randomizzate a ricevere chemioterapia ( 6 cicli; Carboplatino AUC target di 5-6 per via endovenosa ogni 3 settimane più Paclitaxel 175 mg/m2 ogni 3 settimane o 80 mg/m2 una volta alla settimana a scelta dello sperimentatore ) seguita da mantenimento con Avelumab ( 10 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane; gruppo di mantenimento con Avelumab ); chemioterapia più Avelumab ( 10 mg/kg per via endovenosa ogni 3 settimane ) seguita da mantenimento con Avelumab ( gruppo di combinazione Avelumab ); o chemioterapia seguita da osservazione ( gruppo di controllo ).

La randomizzazione era stratificata per regime di Paclitaxel e stato di resezione.
Le pazienti e i ricercatori non conoscevano l'assegnazione ai due gruppi chemioterapici senza Avelumab al momento della randomizzazione fino al completamento della fase chemioterapica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata da una revisione centrale indipendente in cieco in tutte le pazienti assegnate in modo casuale analizzate per intention-to-treat ( ITT ).
La sicurezza è stata analizzata in tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2018, 998 pazienti sono state assegnate in modo casuale ( mantenimento con Avelumab n=332, combinazione con Avelumab n=331 e controllo n=335 ).

All'analisi ad interim pianificata sono stati superati i limiti di futilità predefiniti per l'analisi di sopravvivenza libera da progressione e lo studio è stato interrotto come raccomandato dal Comitato di monitoraggio dei dati indipendente e approvato dal Comitato direttivo del protocollo.

Il follow-up mediano per la sopravvivenza libera da progressione per tutte le pazienti è stato di 10.8 mesi; 11.1 mesi per il gruppo di mantenimento con Avelumab, 11.0 mesi per il gruppo di combinazione con Avelumab e 10.2 mesi per il gruppo di controllo.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 16.8 mesi con il mantenimento con Avelumab, 18.1 mesi con il trattamento combinato con Avelumab e non-stimabile con il trattamento di controllo.

L’hazard ratio ( HR ) stratificato per la sopravvivenza libera da progressione è stato pari a 1.43 ( P=0.99 ) con il regime di mantenimento con Avelumab e a 1.14 ( P=0.79 ) con il regime di combinazione con Avelumab, rispetto al trattamento di controllo.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati anemia ( 69 pazienti, 21%, nel gruppo di mantenimento con Avelumab, 63, 19%, nel gruppo di combinazione con Avelumab e 53, 16%, nel gruppo di controllo ), neutropenia ( 91, 28%; 99, 30%; e 88, 26% ) e diminuzione della conta dei neutrofili ( 49, 15%; 45, 14%; e 59, 18% ).

Eventi avversi gravi di qualsiasi grado si sono verificati in 92 pazienti ( 28% ) nel gruppo di mantenimento con Avelumab, 118 ( 36% ) nel gruppo di combinazione con Avelumab e 64 ( 19% ) nel gruppo di controllo.

I decessi correlati al trattamento si sono verificati in una paziente ( inferiore all’1% ) nel gruppo di mantenimento con Avelumab a causa della fibrillazione atriale e in una paziente ( inferiore all’1% ) nel gruppo di associazione con Avelumab a causa della progressione della malattia.

Sebbene non siano stati osservati nuovi segnali di sicurezza, i risultati non-supportano l'uso di Avelumab nel contesto del trattamento di prima linea.
Sono necessari regimi di trattamento alternativi per migliorare gli esiti nelle pazienti con tumore ovarico epiteliale avanzato. ( Xagena2021 )

Monk BJ et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1265-1274

Onco2021 Gyne2021 Farma2021


Indietro