Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
Tumore prostata

Chemioterapia adiuvante guidata da un saggio di espressione di 21 geni nel cancro alla mammella


Il punteggio di ricorrenza basato sul saggio di 21 geni per il carcinoma alla mammella prevede un beneficio di chemioterapia se il punteggio è alto e un basso rischio di recidiva in assenza di chemioterapia se il punteggio è basso; tuttavia, vi è incertezza sul beneficio della chemioterapia per la maggior parte delle pazienti, che hanno un punteggio medio.

È stato condotto uno studio prospettico che ha coinvolto 10.273 donne con tumore mammario positivo al recettore dell'ormone ( HR+ ), negativo al recettore del fattore di crescita dell'epidermide umano 2 ( HER2- ), con linfonodi ascellari negativi.

Delle 9.719 pazienti eleggibili con informazioni di follow-up, 6.711 ( 69% ) hanno presentato un punteggio di recidiva di intervallo medio ( da 11 a 25 ), e sono state assegnate in modo casuale a ricevere sia la terapia chemioendocrina sia la terapia endocrina da sola.

Lo studio è stato progettato per mostrare la non-inferiorità della terapia endocrina da sola per la sopravvivenza libera da malattia invasiva ( definita come la libertà da recidiva di malattia invasiva, secondo tumore primario o mortalità ).

La terapia endocrina è riultata non-inferiore alla terapia chemioendocrina all'analisi della sopravvivenza libera da malattia invasiva ( hazard ratio per recidiva di malattia invasiva, secondo tumore primario o morte, terapia endocrina versus terapia chemioendocrina, HR=1.08; P=0.26 ).

A 9 anni, i due gruppi di trattamento avevano tassi simili di sopravvivenza libera da malattia invasiva ( 83.3% nel gruppo trattato con terapia endocrina e 84.3% nel gruppo trattato con terapia chemioendocrina ), libertà dalla recidiva della malattia in un sito distante ( 94.5% e 95.0% ) o in un sito distante o loco-regionale ( 92.2% e 92.9% ) e sopravvivenza globale ( 93.9% e 93.8% ).

Il beneficio chemioterapico per la sopravvivenza libera da malattia invasiva è variato con la combinazione del punteggio di recidiva e dell’età ( P=0.004 ), con alcuni benefici della chemioterapia riscontrati nelle donne di età pari o inferiore a 50 anni con un punteggio di recidiva di 16-25.

In conclusione, la terapia endocrina adiuvante e la terapia chemioendocrina hanno presentato una efficacia simile nelle donne con tumore mammario positivo al recettore dell’ormone, HER2-negativo, con linfonodi ascellari negativi, che presentavano un punteggio di recidiva al saggio a 21-geni nell’intervallo medio, sebbene alcuni benefici della chemioterapia siano stati riscontrati in alcune donne di 50 anni di età o più giovani. ( Xagena2018 )

Sparano JA et al, N Engl J Med 2018; 379: 111-121

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro