Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore rene
Tumore Mammella

Chemioradioterapia adiuvante rispetto alla sola radioterapia per le donne con carcinoma endometriale ad alto rischio


Sebbene le donne con tumore dell'endometrio abbiano in genere una prognosi favorevole, quelle con patologie ad alto rischio presentano un aumentato rischio di recidiva.
Lo studio PORTEC-3 ha esaminato il beneficio della chemioterapia adiuvante durante e dopo la radioterapia ( chemioradioterapia ) rispetto alla radioterapia pelvica da sola per le donne con tumore endometriale ad alto rischio.

PORTEC-3 era uno studio in aperto, randomizzato, di fase 3, che ha coinvolto 103 Centri in 6 studi clinici che hanno collaborato nel Gynaecological Cancer Intergroup.
Le donne eleggibili presentavano carcinoma endometriale ad alto rischio con stadio I FIGO 2009, grado 3 di tipo endometrioide con invasione miometriale profonda o invasione dello spazio linfo-vascolare ( o entrambi ), tipo endometrioide in stadio II o III o stadio I-III con istologia sierosa o a cellule chiare.

Le donne sono state randomizzate a ricevere la sola radioterapia ( 48.6 Gy in frazioni da 1.8 Gy 5 giorni alla settimana ) o radioterapia e chemioterapia ( composta da 2 cicli di Cisplatino 50 mg/m2 durante la radioterapia, seguiti da 4 cicli di Carboplatino AUC5 e Paclitaxel 175 mg/m2 ) stratificando per Centro partecipante, linfoadenectomia, stadio del cancro e tipo istologico.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza senza fallimento.

Sono state arruolate 686 donne tra il 2006 e il 2013. 660 pazienti eleggibili sono state incluse nell'analisi finale, di cui 330 sono state assegnate a chemioradioterapia e 330 sono state assegnate alla radioterapia.

Il follow-up mediano è stato di 60.2 mesi.

La sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell'81.8% con chemioradioterapia rispetto al 76.7% con la radioterapia ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.76; P=0.11 ); la sopravvivenza senza fallimento a 5 anni è stata del 75.5% rispetto al 68.6% ( aHR 0.71; P=0.022 ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore durante il trattamento si sono verificati in 198 dei 330 soggetti ( 60% ) trattati con la chemioradioterapia rispetto a 41 dei 330 pazienti ( 12% ) sottoposti a radioterapia ( P minore di 0.0001 ).
La neuropatia di grado 2 o superiore è rimasta significativamente più spesso dopo la chemioradioterapia rispetto alla radioterapia ( 20 donne, 8%, vs 1, 1%, a 3 anni; P minore di 0.0001 ).

La maggior parte delle morti erano dovute al carcinoma dell'endometrio; in 4 pazienti ( 2 in ciascun gruppo ), la causa della morte è stata incerta.
Un decesso nel gruppo di radioterapia era dovuto alla progressione della malattia o alle complicazioni del trattamento tardivo; 3 decessi ( 2 nel gruppo chemioradioterapico e 1 nel gruppo radioterapico ) erano dovuti a una malattia intercorrente o a una tossicità tardiva correlata al trattamento.

La chemioterapia adiuvante somministrata durante e dopo la radioterapia per il cancro dell’endometrio ad alto rischio non ha migliorato la sopravvivenza globale a 5 anni, sebbene abbia aumentato la sopravvivenza libera da fallimento.
Le donne con tumore endometriale ad alto rischio dovrebbero essere consigliate individualmente su questo trattamento combinato.
È necessario un follow-up continuo per valutare la sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2018 )

de Boer SM et al, Lancet Oncol 2018; 19: 295-309

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro