Roche Oncologia
Novartis
BMS
Lung Unit

Chemioradioterapia adiuvante rispetto alla sola radioterapia nelle donne con tumore endometriale ad alto rischio: studio PORTEC-3


Lo studio PORTEC-3 ha studiato il beneficio della chemioterapia adiuvante combinata e della radioterapia rispetto alla sola radioterapia pelvica per le donne con tumore endometriale ad alto rischio.
È stata aggiornata l'analisi per studiare i modelli di ricorrenza ed è stata fatta un'analisi di sopravvivenza post-hoc.

Nello studio multicentrico randomizzato di fase 3 PORTEC-3, le donne con carcinoma dell'endometrio ad alto rischio erano eleggibili se avevano tumore endometrioide di grado 3, FIGO 2009 stadio I, con invasione miometriale profonda o invasione dello spazio linfovascolare, o entrambe; malattia di stadio II o III; o malattia in stadio I-III con istologia a cellule sierose o chiare; avevano 18 anni o più; e avevano un WHO performance status di 0-2.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la sola radioterapia ( 48.6 Gy in 1.8 frazioni di Gy somministrate 5 giorni alla settimana ) o la chemioradioterapia ( 2 cicli di Cisplatino 50 mg/m2 somministrati per via endovenosa durante la radioterapia, seguiti da 4 cicli di Carboplatino AUC5 e Paclitaxel 175 mg/m2 somministrato per via endovenosa ), con stratificazione per centro partecipante, linfoadenectomia, stadio e tipo istologico.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da fallimento. Gli endpoint secondari di recidiva vaginale, pelvica e distante sono stati analizzati in base al primo sito di recidiva.
Gli endpoint di sopravvivenza sono stati analizzati per intention-to-treat e adeguati ai fattori di stratificazione.

Tra il 2006 e il 2013 sono state arruolate 686 donne, di cui 660 ammissibili e valutabili ( 330 nel gruppo chemioradioterapia e 330 nel solo gruppo radioterapico ).

A un follow-up mediano di 72.6 mesi, la sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell'81.4% con chemioradioterapia rispetto a 76.1% con la sola radioterapia ( hazard ratio aggiustato, aHR 0.70, P=0.034 ) e la sopravvivenza a 5 anni libera da fallimento è stata del 76.5% vs 69.1% ( HR 0.70, P=0.016 ).

Le metastasi a distanza sono state il primo sito di recidiva nella maggior parte dei pazienti con una ricaduta, verificatesi in 78 donne su 330 ( probabilità a 5 anni 21.4% ) nel gruppo chemioradioterapia rispetto a 98 su 330 ( probabilità a 5 anni 29.1% ) nel solo gruppo radioterapico ( HR 0.74, P=0.047 ).

La recidiva vaginale isolata è stata il primo sito di recidiva in un paziente ( 0.3% ) in entrambi i gruppi ( HR 0.99; P=0.99 ) e la recidiva pelvica isolata è stata il primo sito di recidiva in tre donne ( 0.9% ) nel gruppo chemioradioterapia rispetto a 4 ( 0.9% ) nel solo gruppo radioterapia ( HR 0.75; P=0.71 ).

A 5 anni, è stato riportato solo un evento avverso di grado 4 ( ileo o ostruzione ) ( nel gruppo chemioradioterapia ).

A 5 anni, gli eventi avversi di grado 3 segnalati non differivano significativamente tra i due gruppi, verificatisi in 16 donne su 201 ( 8% ) nel gruppo chemioradioterapia rispetto a 10 su 187 ( 5% ) nel gruppo con sola radioterapia ( P=0.24 ). L'evento avverso di grado 3 più comune è stata l'ipertensione ( in 4 donne, 2%, in entrambi i gruppi ).

A 5 anni, eventi avversi di grado 2 o peggiore sono stati riportati in 76 donne su 201 ( 38% ) nel gruppo chemioradioterapia vs 43 su 187 ( 23% ) nel gruppo solo radioterapia ( P=0.002 ).
La neuropatia sensoriale è persistita più spesso dopo la chemioradioterapia rispetto alla sola radioterapia, con tassi a 5 anni di neuropatia di grado 2 o peggiore del 6% ( 13 donne su 201 ) rispetto allo 0% ( 0 su 187 ).

Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento.

Questa analisi aggiornata ha mostrato una sopravvivenza globale significativamente migliorata e una sopravvivenza libera da fallimento con la chemioradioterapia rispetto alla sola radioterapia.
Questo programma di trattamento deve essere discusso e raccomandato, in particolare per le donne con tumori in stadio III o tumori sierosi, o entrambi, come parte del processo decisionale condiviso tra medici e pazienti.
È in corso un follow-up per valutare la sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2019 )

de Boer SM et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1273-1285

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro