Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
Tumori testa-collo

Carcinoma mammario HER2+: Lapatinib e Trastuzumab riducono le dimensioni del tumore in 11 giorni dopo la diagnosi


Circa un quarto delle donne con carcinoma mammario HER2+ trattate con una combinazione di farmaci mirati, Lapatinib ( Tyverb; Tykerb ) e Trastuzumab ( Herceptin ), prima dell'intervento chirurgico e della chemioterapia ha visto i tumori ridursi significativamente o addirittura scomparire.

I risultati dello studio multicentrico UK EPHOS-B, in cui 257 donne con nuova diagnosi di tumore HER2+ operabile sono state reclutate nel periodo 2010-2015, sono stati presentati al 10th European Breast Cancer Conference ( EBCC-10 ).

Lo studio è stato effettuato in due fasi; nella prima parte, 130 donne sono state randomizzate a non ricevere alcun trattamento pre-operatorio ( gruppo di controllo ), oppure Trastuzumab da solo, oppure Lapatinib da solo, per 11 giorni dopo la diagnosi e prima dell'intervento chirurgico.

Tuttavia, quando sono emerse da altri studi prove dell’efficacia della combinazione di Lapatinib e Trastuzumab nel trattamento del carcinoma mammario HER2+ in altri contesti, la seconda parte dello studio è stata modificata in modo tale che, dal 2013, le successive 127 donne sono state randomizzate al gruppo di controllo, o a ricevere solo Trastuzumab, o il trattamento di combinazione.

In entrambe le parti dello studio, le donne hanno continuato a ricevere il trattamento standard dopo l'intervento.

Campioni di tessuto tumorale sono stati prelevati dalla prima biopsia, che era stata utilizzata per confermare la diagnosi di cancro, e poi di nuovo durante l'intervento chirurgico.
I campioni sono stati analizzati per vedere se ci fosse stato un calo dei livelli della proteina Ki67, un indicatore di proliferazione cellulare, o un aumento della apoptosi ( morte cellulare programmata ) del 30% o più dal momento della prima biopsia.

Inoltre sono stati esaminati i rapporti patologici sul tessuto prelevato durante l'intervento chirurgico, e le donne sono state poi classificate con risposta patologica completa ( pCR ) se non erano state trovate cellule tumorali attive, o con malattia minima residua ( MRD ) se il tumore era inferiore a 5 mm di diametro, o altro.

I risultati della seconda parte dello studio, analizzati nel 2016, hanno mostrato che, oltre a un calo di Ki67, l’11% delle donne che avevano ricevuto il trattamento combinato, Trastuzumab e Lapatinib, ha presentato risposta patologica completa e il 17% malattia minima residua.
Tra le donne randomizzate a ricevere solo Trastuzumab, lo 0% ha raggiunto risposta patologica completa e il 3% malattia minima residua; nessuna paziente nel gruppo di controllo ha presentato risposta patologica completa o malattia minima residua.

Il gruppo di donne che ha risposto al trattamento di combinazione includeva donne che presentavano tumore al seno in stadio 2 ( che si era diffuso ai linfonodi ).

I risultati dello studio hanno dimostrato che è possibile una prima indicazione di risposta patologica entro 11 giorni, in assenza del trattamento chemioterapico, nelle pazienti che avevano assunto Trastuzumab e Lapatinib.

La maggior parte degli studi precedenti aveva esaminato la risposta patologica solo dopo diversi mesi di trattamento.

EPHOS-B è l'unico studio che ha somministrato il trattamento di combinazione da solo, senza chemioterapia, nelle due settimane tra la diagnosi e l'intervento chirurgico di routine.

Altri studi hanno esaminato la terapia anti-HER2, con o senza chemioterapia, compresa una valutazione della combinazione di Trastuzumab e Lapatinib, e hanno riportato tassi di risposta significativi, ma questi studi hanno riportato risultati solo dopo diversi mesi di terapia.

Somministrare il trattamento combibato, Lapatinib e Trastuzumab, in attesa di un intervento chirurgico può identificare un gruppo di pazienti la cui malattia è particolarmente sensibile alla terapia anti-HER2; questo consentirebbe di individualizzare la terapia nelle donne con tumori HER2+.

Il carcinoma mammario HER2+ è caratterizzato da un elevato numero di recettori per il fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) sulla superficie delle cellule tumorali.
Questi recettori stimolano le cellule tumorali a dividersi e crescere.
I tumori al seno HER2+ tendono a crescere più rapidamente dei tumori HER2- ma possono essere trattati con terapie mirate, come Trastuzumab e Lapatinib. ( Xagena2016 )

ECCO - The European Cancer Organization, 2016

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro