Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Avelumab da solo o in combinazione con la chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia nel tumore ovarico Platino-resistente o refrattario al Platino: studio JAVELIN Ovarian 200


La maggior parte delle pazienti con tumore ovarico recidiva dopo aver ricevuto la chemioterapia di prima linea a base di Platino e alla fine svilupperà una malattia resistente al Platino o refrattaria al Platino.

Sono stati riportati i risultati di Avelumab ( Bavencio ) da solo o Avelumab più Doxorubicina liposomiale pegilata ( Caelyx ) rispetto alla sola Doxorubicina liposomiale pegilata nei pazienti con tumore ovarico Platino-resistente o refrattario al Platino.

JAVELIN Ovarian 200 era uno studio in aperto, a gruppi paralleli, a tre bracci, randomizzato, di fase 3, condotto in 149 ospedali e centri di trattamento del cancro in 24 Paesi.
Le pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con tumore epiteliale ovarico, delle tube di Falloppio o peritoneale ( massimo tre linee precedenti per la malattia sensibile al Platino, nessuna per la malattia resistente al Platino ) e un ECOG performance status pari a 0 o 1.

Le pazienti sono state randomizzate ad Avelumab ( 10 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane ), Avelumab più Doxorubicina liposomiale pegilata ( 40 mg/m2 per via endovenosa ogni 4 settimane ), oppure sola Doxorubicina liposomiale pegilata, e stratificati per stato della malattia nei confronti del Platino, numero di precedenti regimi antitumorali e malattia bulky.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediante revisione centrale indipendente in cieco e la sopravvivenza globale in tutte le pazienti assegnate in modo casuale, con l'obiettivo di mostrare se Avelumab da solo o Avelumab più Doxorubicina liposomiale pegilata fosse superiore alla solo Doxorubicina liposomiale pegilata.
La sicurezza è stata valutata in tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Lo studio ha cessato di arruolare pazienti e questa è l'analisi finale di entrambi gli endpoint primari.

Tra il 2016 e il 2017, sono state arruolate e assegnate in modo casuale 566 pazienti ( combinazione n=188; Doxorubicina liposomiale pegilata n=190, Avelumab n=188 ).
Al cutoff dei dati nel 2018, la durata mediana del follow-up per la sopravvivenza globale è stata di 18.4 mesi per il gruppo di combinazione, 17.4 mesi per il gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata e 18.2 mesi per il gruppo Avelumab.

La sopravvivenza mediana libera da progressione secondo la revisione centrale indipendente in cieco è stata di 3.7 mesi nel gruppo di combinazione, 3.5 mesi nel gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata, e 1.9 mesi nel gruppo Avelumab ( combinazione vs Doxorubicina liposomiale pegilata: hazard ratio, HR stratificato 0.78, P unilaterale=0.030; Avelumab vs Doxorubicina liposomiale pegilata: 1.68, P unilaterale superiore a 0.99 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 15.7 mesi nel gruppo di combinazione, 13.1 mesi nel gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata e 11.8 mesi nel gruppo Avelumab ( combinazione vs Doxorubicina liposomiale pegilata: HR stratificato 0.89, P unilaterale=0.21; Avelumab vs Doxorubicina liposomiale pegilata: 1.14, P unilaterale=0.83 ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o peggiore più comuni sono stati la sindrome da eritrodisestesia palmo-plantare [ sindrome mano-piede ] ( 18, 10%, nel gruppo di combinazione vs 9, 5%, nel gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata vs nessuno nel gruppo Avelumab ), rash ( 11, 6%, vs 3, 2%, vs nessuno ), fatica ( 10, 5%, vs 3, 2%, vs nessuno ), stomatite ( 10, 5%, vs 5, 3%, vs nessuno ), anemia ( 6, 3%, vs 9, 5%, vs 3, 2% ), neutropenia ( 9, 5%, vs 9, 5%, vs nessuno ) e ridotta conta dei neutrofili ( 8, 5%, vs 7, 4%, vs nessuno ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 32 pazienti ( 18% ) nel gruppo di combinazione, 19 ( 11% ) nel gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata e 14 ( 7% ) nel gruppo Avelumab.
Gli eventi avversi correlati al trattamento hanno provocato la morte di una paziente ciascuna nel gruppo Doxorubicina liposomiale pegilata ( sepsi ) e nel gruppo Avelumab ( ostruzione intestinale ).

Né Avelumab più Doxorubicina liposomiale pegilata né Avelumab da solo hanno migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione o la sopravvivenza globale rispetto alla Doxorubicina liposomiale pegilata.
Questi risultati hanno fornito approfondimenti per la selezione delle pazienti in studi futuri sugli inibitori del checkpoint immunitario nel tumore dell'ovaio Platino-resistente o refrattario al Platino. ( Xagena2021 )

Pujade-Lauraine E et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1034-1046

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro