Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Atezolizumab, Bevacizumab e chemioterapia per il tumore ovarico di stadio III o IV di nuova diagnosi


È stata valutata l'aggiunta dell'anticorpo monoclonale umanizzato anti-PD-L1 Atezolizumab ( Tecentriq ) alla chemioterapia a base di Platino e al Bevacizumab ( Avastin ) nel tumore ovarico di stadio III o IV di nuova diagnosi.

Uno studio multicentrico di fase III randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ha arruolato pazienti con carcinoma ovarico in stadio III o IV secondo FIGO ( International Federation of Gynecology and Obstetrics ) non-trattato, di nuova diagnosi, che erano state sottoposte a chirurgia citoriduttiva primaria con malattia residua macroscopica o che erano programmate per ricevere chemioterapia neoadiuvante e chirurgia d’intervallo.

Le pazienti sono state stratificate per stadio FIGO, ECOG performance status, colorazione delle cellule immunitarie tumorali per PD-L1 e strategia di trattamento.
Sono state assegnate in modo casuale a ricevere cicli di 3 settimane di Atezolizumab 1.200 mg o placebo ( giorno 1, cicli 1-22 ), con Paclitaxel più Carboplatino ( giorno 1, cicli 1-6 ) più Bevacizumab 15 mg/kg ( giorno 1, cicli 2-22 ), omettendo Bevacizumab perioperatorio nelle pazienti neoadiuvanti.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata dallo sperimentatore e la sopravvivenza globale ( OS ) nelle popolazioni intention-to-treat ( ITT ), e PD-L1-positive.

Tra il 2017 e il 2019, sono state arruolate 1.301 pazienti.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 19.5 mesi versus 18.4 mesi con Atezolizumab rispetto al placebo, rispettivamente ( hazard ratio, HR 0.92; log-rank stratificato P=0.28 ), nella popolazione ITT e 20.8 mesi vs 18.5 mesi, rispettivamente ( HR 0.80; P=0.038 ), nella popolazione PD-L1-positiva.

I risultati provvisori ( immaturi ) di sopravvivenza globale non hanno mostrato alcun beneficio significativo da Atezolizumab.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni sono stati neutropenia ( 21% con Atezolizumab vs 21% con placebo ), ipertensione ( 18% vs 20%, rispettivamente ) e anemia ( 12% vs 12% ).

L'evidenza attuale non supporta l'uso di inibitori del checkpoint immunitario nel tumore ovarico di nuova diagnosi. ( Xagena2021 )

Moore KN et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1842-1855

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro