Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore Vescica

Associazione dose-risposta tra linfociti infiltranti il tumore CD8+ e tempo di sopravvivenza nel carcinoma ovarico sieroso di alto grado


I linfociti infiltranti il tumore ( TIL ) CD8+ citotossici partecipano al controllo immunitario del cancro ovarico epiteliale; tuttavia, poco è noto sui modelli prognostici di TIL CD8+ per istotipo e in relazione ad altri fattori clinici.

È stato definito il ruolo prognostico di TIL CD8+ nel cancro ovarico epiteliale per mezzo di uno studio multicentrico osservazionale prospettico di coorte di sopravvivenza dell’Ovarian Tumor Tissue Analysis Consortium.
Più di 5.500 pazienti, tra cui 3.196 con tumori ovarici sierosi di alto grado, sono stati seguiti prospetticamente per oltre 24.650 anni-persona.

Dopo l'analisi immunoistochimica, TIL CD8+ sono stati identificati all'interno dei componenti epiteliali delle isole tumorali.
Le pazienti sono state raggruppate in base al numero stimato di TIL CD8+ per campo ad alta potenza: negativo ( nessuno ), basso ( 1-2 ), moderato ( 3-19 ) e alto ( 20 o più ).

TIL CD8+ in un sottogruppo di pazienti sono anche stati valutati in modo quantitativo e non-categorizzato ed è stata valutata la forma funzionale delle associazioni con la sopravvivenza.

L’esito principale era il tempo di sopravvivenza complessivo.

Il campione finale comprendeva 5.577 donne; l'età media alla diagnosi era di 58.4 anni. Tra i 5 principali istotipi invasivi, carcinoma ovarico sieroso ad alto grado ha rappresentato la maggior parte delle infiltrazioni.

I TIL CD8+ nei carcinomi ovarici sierosi ad alto grado sono stati significativamente associati a una sopravvivenza globale più lunga; la sopravvivenza mediana era di 2.8 anni per le pazienti senza TIL CD8+ e 3.0 anni, 3.8 anni e 5.1 anni per le pazienti con livelli bassi, moderati o elevati di TIL CD8+, rispettivamente ( P per trend=4.2 x 10-16 ).

Un beneficio in termini di sopravvivenza è stato osservato anche tra le donne con carcinomi endometrioidi e mucinosi, ma non per altri istotipi.

Tra i carcinomi dell'ovaio sierosi ad alto grado, TIL CD8+ erano favorevoli, indipendentemente dall'entità della malattia residua dopo la citoriduzione, noto trattamento standard, e mutazione patogenetica BRCA1 germinale, ma non erano prognostici per le portatrici di mutazioni BRCA2.

La valutazione dei conteggi di TIL CD8+ non-categorizzati ha mostrato una forma funzionale quasi lineare.

In conclusione, lo studio ha dimostrato la natura specifica per istotipo dell'infiltrazione immunitaria e ha fornito una evidenza definitiva di una relazione dose-risposta tra TIL CD8+ e sopravvivenza al tumore all'ovaio sieroso ad alto grado.
Il fatto che l'estensione dell'infiltrazione sia prognostica, e non semplicemente la sua presenza o assenza, suggerisce che i fattori di comprensione che guidano l'infiltrazione saranno la chiave per svelare l'eterogeneità degli esiti in questo tumore. ( Xagena2017 )

Ovarian Tumor Tissue Analysis ( OTTA ) Consortium, JAMA Oncol 2017; 3: e173290

Gyne2017 Onco2017



Indietro