Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Mammella
OncoPneumologia

Anastrozolo adiuvante rispetto a Exemestane rispetto a Letrozolo in prima linea o dopo 2 anni di Tamoxifene nel cancro al seno endocrino-sensibile: studio FATA-GIM3


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex ) , Exemestano  ( Aromasin ) e Letrozolo ( Femara ).
Sono stati esaminati il programma e il tipo di inibitori dell'aromatasi da utilizzare come trattamento adiuvante per il cancro mammario in fase precoce positivo ai recettori ormonali.

Lo studio FATA-GIM3 multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 3, ha confrontato sei diversi trattamenti nelle donne in postmenopausa con tumore al seno in fase precoce positivo ai recettori ormonali.
I pazienti eleggibili presentavano carcinoma mammario positivo al recettore ormonale, istologicamente confermato, completamente rimosso chirurgicamente, con qualsiasi dimensione del tumore patologico e stato linfonodale ascellare.

I criteri chiave di esclusione erano la terapia ormonale sostitutiva, la malattia ricorrente o metastatica, il precedente trattamento con Tamoxifene e un'altra neoplasia negli ultimi 10 anni. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei sei gruppi di trattamento: Anastrozolo orale (1 mg al giorno), Exemestane (25 mg al giorno) o Letrozolo (2.5 mg al giorno) in compresse per 5 anni (strategia iniziale) o Tamoxifene orale (20 mg al giorno) per 2 anni seguito da somministrazione di uno dei tre inibitori dell'aromatasi per 3 anni (strategia cambiata).

La randomizzazione è stata effettuata stratificando per il recettore degli estrogeni, il recettore del progesterone e lo stato di HER2; chemioterapia precedente; e stato linfonodale patologico. L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia.

Si è ipotizzato che il limite minimo per dichiarare la superiorità della strategia iniziale rispetto alla strategia cambiata fosse una differenza del 2% nella sopravvivenza libera da malattia a 5 anni.

Tra il 2007 e il 2012, 3.697 pazienti sono stati arruolati nello studio. Dopo un follow-up mediano di 60 mesi, sono stati segnalati 401 eventi di sopravvivenza libera da malattia, tra cui 211 (11%) su 1.850 pazienti assegnati alla strategia cambiata e 190 (10%) su 1.847 pazienti assegnati al trattamento iniziale.

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata dell'88.5% con la strategia cambiata e dell’89.8% con il trattamento iniziale ( hazard ratio, HR=0.89, P=0.23 ).

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 90.0% con Anastrozolo ( 124 eventi ), 88.0% con Exemestane ( 148 eventi ) e 89.4% con Letrozolo ( 129 eventi; P=0.24 ).

Non si sono verificati eventi avversi gravi imprevisti o decessi correlati al trattamento.

Gli effetti collaterali muscoloscheletrici sono stati i più frequenti eventi avversi di grado 3-4, riportati in 130 dei 1.761 pazienti ( 7% ) che hanno ricevuto la strategia cambiata e in 128 dei 1.766 ( 7% ) pazienti che hanno ricevuto il trattamento iniziale.
Gli eventi muscoloscheletrici di grado 1 sono stati più frequenti con il programma iniziale che con il programma cambiato ( 924 su 1.766 pazienti, 52%, vs 745 su 1.761 pazienti, 42% ).
Tutti gli altri eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati in meno del 2% dei pazienti in entrambi i gruppi.

5 anni di trattamento con inibitori dell'aromatasi sono stati non-superiori a 2 anni di Tamoxifene seguiti da 3 anni di inibitori dell'aromatasi.
Nessuno dei tre inibitori dell'aromatasi è stato superiore agli altri in termini di efficacia. Pertanto, la scelta del paziente, la tollerabilità e i vincoli finanziari devono essere considerati al momento di decidere l'approccio terapeutico ottimale in questo ambito. ( Xagena2018 )

De Placido S et al, Lancet Oncol 2018; 19: 474-485

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro