Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore prostata

Alopecia come marker surrogato della risposta a trattamento chemioterapico nei pazienti con carcinoma epiteliale dell’ovaio primario


L'alopecia rappresenta un comune effetto collaterale al trattamento chemioterapico e influisce negativamente sulla qualità di vita dei pazienti affetti da tumore.

Al momento attuale, si ritiene che l'alopecia possa rappresentare un marker surrogato della risposta alla chemioterapia, influendo sulla prognosi; tuttavia, questa ipotesi non è stata ancora validata in una coorte sufficientemente ampia di pazienti con carcinoma ovarico.

Per esaminare l'influenza dell'alopecia sull'esito oncologico globale, una recente meta-analisi ha analizzato retrospettivamente le banche dati relative a 4 studi prospettici, randomizzati, di fase III nei quali è stata valutata l'efficacia di un trattamento chemioterapico di prima linea a base di Platino e taxani nei pazienti con carcinoma epiteliale ovarico in stadio avanzato.

Dei 5.114 pazienti con diagnosi di carcinoma epiteliale ovarico inclusi negli studi, per 4.705 pazienti ( 92.0% ) era stata documentata l'incidenza di alopecia.

I pazienti avevano ricevuto in media 6 cicli di chemioterapia a base di Platino e taxano ( intervallo: 0-11 cicli ); di questi, 4.186 ( 89.0% ) avevano completato un numero di cicli maggiore o uguale a 6.

La forma più grave di alopecia è stata di grado 0, che ha colpito il 2.4% dei pazienti; alopecia di grado 1 e alopecia di grado 2 sono state osservate nel 2.9% e nel 94.7% dei pazienti, rispettivamente.

In un'analisi univariata che ha coinvolto tutti i pazienti, lo sviluppo di alopecia di grado 0 o 1 era associato a una sopravvivenza libera da progressione e a una sopravvivenza globale significativamente più basse rispetto ai pazienti che hanno sviluppato alopecia di grado 2.

Tuttavia, nell'analisi multivariata dei soli pazienti che hanno completato almeno 6 cicli di chemioterapia, priva della distorsione ( bias ) dovuta alla minore dose totale di trattamento, lo sviluppo di alopecia non ha dimostrato alcuna influenza significativa sulla sopravvivenza.

L'analisi dei dati ha evidenziato che solamente il tempo di insorgenza dell'alopecia rappresentava un fattore prognostico indipendente per la sopravvivenza: i pazienti che hanno sviluppato alopecia di grado 2 entro il terzo ciclo di chemioterapia presentavano una sopravvivenza globale significativamente più lunga rispetto ai pazienti che hanno sviluppato alopecia nei cicli successivi ( hazard ratio, HR=1.25 ).

In conclusione, all'interno dell'ampia coorte di pazienti con carcinoma epiteliale dell’ovaio sottoposti a chemioterapia di prima linea a base di Platino e taxani, lo sviluppo precoce di alopecia sembra essere significativamente associato a un esito migliore nei pazienti che hanno completato almeno 6 cicli di terapia.
Resta tuttavia da chiarire se l'insorgenza precoce di alopecia rappresenti un marcatore surrogato di una maggiore sensibilità al trattamento chemioterapico o se sia il risultato di ulteriori effetti biologici ancora da definire. ( Xagena2015 )

Sehouli J et al, Eur J Cancer 2015; 51: 825-832

Onco2015 Gyne2015 Farma2015


Indietro