Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumori GenitoUrinari

Rilevazione da screening del carcinoma duttale in situ e successiva incidenza di tumori del seno invasivi di intervallo


Il valore della rilevazione da screening e del trattamento del carcinoma duttale in situ ( DCIS ) è una questione controversa.
Allo stato attuale, la misura in cui la diagnosi e il trattamento del carcinoma duttale in situ potrebbero prevenire l'insorgenza del carcinoma mammario invasivo in futuro non è chiara.
È stata stimata l'associazione tra il rilevamento del carcinoma duttale in situ allo screening e tumori invasivi di intervallo successivi allo screening in questione.

Sono stati ottenuti dati aggregati per i tumori rilevati da screening da 84 Unità di screening locali compresi in 11 Quality Assurance Reference Centres in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord dal programma di screening mammografico del Servizio Sanitario Nazionale.

I dati per la diagnosi di carcinoma duttale in situ sono stati ottenuti per le donne di età compresa tra 50 e 64 anni, che sono state invitate ad effettuare uno screening mammografico del seno dal 2003 al 2007 ( 4 anni di screening ).

Sono stati analizzati i dati delle pazienti in riferimento a cancro di intervallo sviluppato nei 36 mesi dopo lo screening con il tasso di rilevamento di screening del cancro invasivo di intervallo come esito variabile; le frequenze di rilevamento di carcinoma duttale in situ sono state considerate in primo luogo una variabile continua e poi una variabile categoriale.

L’analisi è stata ripetuta dopo aggiustamento per tumori di piccole dimensioni e tumori di alto grado invasivi rilevati da screening.

Sono stati analizzati i dati di 5.243.658 donne e dei tumori di intervallo che si sono verificati nei 36 mesi dopo lo screening.

La frequenza media di carcinoma duttale in situ rilevata al momento dello screening è stata di 1.60 per 1.000 donne sottoposte a screening ( mediana 1.50 per 1.000 donne ).

C'è stata una significativa associazione negativa tra casi di carcinoma duttale in situ rilevati da screening e tasso di tumori invasivi di intervallo ( coefficiente di regressione di Poisson –0.084; P=0.002 ).

Il 90% delle Unità ha avuto una frequenza di rilevamento di carcinoma duttale in situ compresa tra 1.00 e 2.22 per 1.000 donne; in queste Unità, per ogni 3 casi di carcinoma duttale in situ rilevati da screening, c’è stato un cancro di intervallo invasivo in meno nei successivi 3 anni.
Questa associazione è rimasta dopo l’aggiustamento per il numero di piccoli tumori invasivi rilevati da screening e per il numero di tumori di grado 3 invasivi rilevati da screening.

L'associazione tra carcinoma duttale in situ rilevati da screening e i successivi tumori invasivi di intervallo suggerisce che la diagnosi e il trattamento del carcinoma duttale in situ sono utili nella prevenzione della futura malattia invasiva. ( Xagena2016 )

Duffy SW et al, Lancet 2016; 17: 109-114

Gyne2016 Onco2016 Diagno2016



Indietro